shapememorymL'Azienda ha pubblicato il bando del concorso dedicato agli studenti delle facoltà tecniche per raccogliere idee nel settore delle leghe a memoria di forma

Fonte: Studenti.it

Confermando il proprio impegno a favore della ricerca e dell’innovazione, SAES Getters, la multinazionale italiana leader nel settore delle tecnologie avanzate, lancia la prima edizione di “Shape Memory Award”, concorso dedicato agli studenti delle facoltà tecniche delle università italiane e ai laureati nello scorso biennio.
Lo scopo del premio è raccogliere e riconoscere le idee migliori nel settore delle leghe a memoria di forma,  incoraggiandone lo sviluppo fino alla loro applicazione commerciale. Al primo classificato, oltre a un premio di 35.000 euro, verrà quindi data la concreta opportunità di realizzare il suo progetto all’interno degli avanzati laboratori di ricerca di SAES Getters, che occupano oltre 3.000 metri quadri alle porte di Milano.

Al secondo e terzo classificato andranno rispettivamente 25.000 e 15.000 euro, mentre le università che metteranno a disposizione le loro strutture riceveranno un finanziamento di 15.000 euro.
Le idee devono essere presentate entro il 15 gennaio 2009. Per maggiori informazioni e per scoprire l’elenco delle facoltà interessate consultare il sito www.saesgetters.com oppure rivolgersi a Close to Media, al numero 02/70006237 o agli indirizzi email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. e Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..
 
Le leghe a memoria di forma (Shape Memory Alloys, SMA) sono composti intermetallici caratterizzati da una trasformazione martensitica termoelastica reversibile, cioè in grado di deformarsi macroscopicamente se riscaldate, generando elevate forze di attuazione.
Questa caratteristica conferisce al materiale proprietà funzionali del tutto particolari e i dispositivi realizzati con le leghe SMA vengono classificati come “dispositivi intelligenti”. Il fenomeno della memoria di forma fu osservato per la prima volta nel 1951. Oggi quelle utilizzate maggiormente sono formate da Nickel e Titanio. La caratteristica ancor più interessante di queste leghe è che i manufatti derivati in forma di fili o lamine, per esempio, mostrano un’elevata potenza specifica che consente lo sviluppo di attuatori estremamente miniaturizzati e facilmente integrabili.
 
Tali materiali vengono oggi utilizzati per lo più nel settore biomedicale in cui si sfruttano le loro caratteristiche di superelasticità e la biocompatibilità.
In particolare si sviluppano stent per le arterie, fili ortodontici, cambre per le ossa, cateteri e sonde attive per microchirurgia. Il disegno strategico di SAES Getters prevede lo sviluppo di nuove aree di business ad alta potenzialità nel settore delle SMA.   
Negli ultimi anni si sta sviluppando un elevato know-how su questa tecnologia ed in particolare SAES Getters punta le proprie attività di Ricerca e Sviluppo nell’ambito di questa tecnologia non solo sulle applicazioni biomedicali ma, anche sull’utilizzo di tali materiali in attuatori meccanici che vedono la propria naturale collocazione in svariati campi industriali come l’automotive e i mezzi di trasporto in genere, l’elettronica di consumo, la domotica, la componentistica per elettrodomestici, la robotica, le macchine utensili e il tessile.