Al via la borsa di studio Amazon: Women in Innovation

“Informatica e matematica? Un gioco da ragazze” questa la formula di Amazon che ha lanciato in questi giorni la seconda edizione della borsa di studio “Women in Innovation” per sostenere le studentesse universitarie più meritevoli e brillanti nelle discipline scientifiche.

Fonte: Ischool.startupitalia.eu
di Gabriella Rocco

“Amazon: Women in Innovation” è la borsa di studio promossa da Amazon e rivolta alle studentesse universitarie più meritevoli impegnate nell’ambito delle discipline STEM (Science, Technology, Engineering e Mathematics – scienze, tecnologia, ingegneria e matematica). La borsa garantisce alle vincitrici, selezionate in base a criteri di merito e reddito, un supporto economico annuale pari a 6.000 euro per la durata di tre anni, e il sostegno di una mentore scelta tra le manager di Amazon con cui confrontarsi. Il programma è stato attivato per la prima volta nel 2018 in collaborazione con i politecnici di Milano e Torino per sostenere percorsi di studio e di carriera nel campo dell’innovazione e della tecnologia.

Amazon: Women in Innovation

L’Università degli Studi di Roma Tor Vergata si unisce al Politecnico di Milano e al Politecnico di Torino nel programma di borse di studio creato da Amazon per supportare le donne nelle discipline STEM (Scienze, Tecnologia, Ingegneria e Matematica).

Tre nuove studentesse saranno premiate per l’anno accademico 2019/2020, in aggiunta alle giovani donne di talento selezionate lo scorso anno, che sono state confermate come destinatarie della borsa di studio grazie ai brillanti risultati raggiunti.

Il progetto delle borse di studio fa parte del programma Amazon in the Community, che mira ad aiutare i giovani ad avere successo nell’economia digitale.

Rania Zaed una delle studentesse vincitrici dell’edizione Amazon: Women in Innovation 2018/2019

La borsa di studio per le studentesse innovatrici

Per il secondo anno consecutivo Amazon assegnerà la borsa di studio Amazon Women in Innovation, creata per aiutare le giovani donne provenienti da contesti meno avvantaggiati a soddisfare la propria ambizione di lavorare nell’innovazione e nella tecnologia. Amazon supporterà borse di studio nelle università delle città in cui si trovano il proprio Centro di Sviluppo, gli Uffici Corporate e Centri di Distribuzione: il Politecnico di Torino, il Politecnico di Milano e, da quest’anno, anche l’Università di Roma Tor Vergata. Tutte le borse di studio saranno offerte per l’anno accademico 2019/2020.

Il progetto fa parte del programma Amazon in the Community, che vuole aiutare i giovani ad avere successo nell’economia digitale in tutta Italia e nel mondo. Amazon Women in Innovation offrirà quindi un finanziamento di €6.000 all’anno, per tre anni, a tre studentesse: una che intenda conseguire una laurea in Ingegneria Matematica o Informatica presso il Politecnico di Milano, un’altra iscritta al corso di laurea in Ingegneria Informatica presso il Politecnico di Torino e una terza impegnata presso la facoltà di Ingegneria Informatica o di Ingegneria di Internet dell’Università di Roma Tor Vergata. Le università sceglieranno le vincitrici in base a specifici parametri di merito e di reddito, come specificato nel bando di gara.

Oltre a supportare economicamente le studentesse per tre anni, Amazon metterà a disposizione un mentore per aiutare a sviluppare competenze utili per il lavoro futuro, come, ad esempio, le tecniche per creare un curriculum efficace o affrontare un colloquio di lavoro in Amazon o in altre aziende.

“Con queste borse di studio stiamo cercando di fare la differenza per molte giovani donne che un giorno diventeranno leader nell’innovazione”, ha dichiarato Mariangela Marseglia, Country Manager di Amazon in Italia e in Spagna. “Le borse di studio assegnate lo scorso anno hanno ora i volti di Rania e Beatrice, due studentesse giovani e motivate ​​che si stanno dedicando alle materie di cui sono appassionate e che ora mirano a raggiungere obiettivi ancora più ambiziosi. È bello vedere l’impatto che il nostro programma sta avendo sulla loro vita quotidiana e non vediamo l’ora di incontrare le prossime vincitrici”.

“Il Politecnico di Milano accoglie con grande interesse l’iniziativa di Amazon e incentiva la collaborazione con le aziende a sostegno delle ragazze che si applicano, con successo, nelle materie STEM – afferma Donatella Sciuto, Prorettrice del Politecnico di Milano –  Lo fa all’interno di un impegno pluriennale che l’ateneo si è dato, da qualche anno a questa parte, attraverso POP- Pari Opportunità Politecniche, iniziativa volta a garantire un ambiente di lavoro e di studio aperto alla diversità e attento alla parità di genere. Una parità che, come riscontrato nel Bilancio di Genere recentemente pubblicato, va riconosciuta non solo durante gli anni di studio, ma anche e soprattutto nel momento in cui le ragazze entrano nel mondo del lavoro. Quello che chiediamo alle aziende è di proseguire questo impegno anche dopo la laurea e di valorizzare il merito come primo requisito d’ingresso e durante la crescita professionale.”

“Aderiamo anche quest’anno all’iniziativa Amazon Women in Innovation, che riconosce una borsa di studio a una studentessa nel percorso verso il suo futuro professionale. Come università, durante l’anno accademico realizziamo diverse attività volte a incrementare l’iscrizione delle ragazze nelle materie STEM e nel garantire che siano supportate nell’accesso alle discipline tecnologiche: questa iniziativa è un ulteriore segnale per i nostri studenti nell’ambito delle iniziative per le pari opportunità”, afferma Claudia De Giorgi  – Vice Rettrice per la Qualità, il Welfare e le Pari Opportunità del Politecnico di Torino.

“Abbiamo aderito con entusiasmo a questa meritevole iniziativa – è il commento del Rettore dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata” Giuseppe Novelli – e siamo lieti di poter offrire alle nostre studentesse la possibilità di candidarsi per una borsa di studio Amazon Women in Innovation. In Italia, la percentuale di donne che occupano posizioni tecnico-scientifiche è tra le più basse dei Paesi Ocse: il 31,7% contro il 68,9% di uomini. Secondo stime recenti, solo il 5% delle 15enni italiane aspira a intraprendere professioni tecniche o scientifiche. Ma il nostro Paese offre anche moltissimi esempi di donne e scienziate che hanno saputo offrire contributi straordinari in questo settore: vogliamo contribuire a invertire le tendenze negative, e scovare, coltivare e valorizzare i talenti ovunque essi siano”.

Beatrice Occhiena, una delle studentesse vincitrici dell’edizione Amazon: Women in Innovation 2018/2019