Il Ministero di Giustizia assume 250 Assistenti SocialiIl Ministero di Giustizia ha indetto un concorso con lo scopo di assumere a tempo indeterminato ben 250 Assistenti Sociali, che lavoreranno presso il Dipartimento per la giustizia minorile di comunità

Fonte: Jobmeeting.it

Il bando, a cui sarà possibile partecipare fino al 12 Marzo 2018, è rivolto a laureati abilitati all’esercizio della professione. La selezione pubblica prevede lo svolgimento di prove scritte e orali.
I vincitori dovranno sostenere un'ulteriore prova della durata di 4 mesi. Inoltre, i neo assunti dovranno permanere nella sede di prima destinazione per almeno 5 anni.

Requisiti

Possono partecipare al concorso i ragazzi con i seguenti requisiti:

  • cittadinanza italiana;
  • godimento dei diritti civili e politici;
  • laurea in Scienze del servizio sociale o equipollente. Sono considerati validi anche i diplomi universitari in servizio sociale o i diplomi di assistente sociale conseguiti ai sensi del DPR 15 gennaio 1987, n. 14;
  • abilitazione all’esercizio della professione di assistente sociale;
  • iscrizione all’albo professionale degli assistenti sociali;
  • idoneità fisica;
  • qualità morali e di condotta previste dall’articolo 35, comma 6, del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165;
  • non essere stati destituiti o licenziati a seguito di procedimento disciplinare, o dispensati dall’impiego presso una pubblica amministrazione per persistente insufficiente rendimento, o dichiarati decaduti da un impiego pubblico per averlo conseguito mediante la produzione di documenti falsi, o interdetti dai pubblici uffici per effetto di sentenza passata in giudicato.

Prove d'esame

Come anticipato, il concorso del Ministero di Gisutizia prevede un'eventuale prova preselettiva, da effettuare nel caso in cui i candidati siano in numero superiore a 1000, due prove scritte, che verteranno su diritto penitenziario con particolare riferimento alle misure alternative e sostitutive alla detenzione e alle sanzioni di comunità, per adulti e minori, anche nella prospettiva sovranazionale; modelli, tecniche e strumenti di metodologia del servizio sociale; e una prova orale, che riguarderà gli argomenti oggetto delle prove scritte e altre materie, specificate nel dettaglio nel bando.

Come partecipare al bando

Tutti gli interessati possono prendere parte al bando del Ministero, esclusivamente online, compilando la domanda di partecipazione disponibile in fondo all'articolo. Nella stessa pagina è, inoltre, possibile visionare il bando completo.