Scuole più sicure, asse Comune di Rieti e La Sapienza: “In azione i migliori professionisti”Presentato nella sala consiliare del Comune di Rieti, l’accordo tra l’Amministrazione Comunale e il Critevat (organo istituito per la valutazione e la mitigazione del rischio sismico degli edifici scolastici del territorio reatino)

Fonte: Rietilife.com
di Paolo Ansovini

Alla conferenza hanno preso parte il sindaco di Rieti, Simone Petrangeli, il dirigente ai lavori pubblici del comune, ing. Maurizio Peron, oltre a tre docenti universitari della Sapienza di Roma, a partire dall’ing. Franco Braga, tra i maggiori esponenti in fatto di ingegneria sismica, l’ing. Maurizio De Angelis, e l’ing. Giuseppe Sappa.

“Il patto importante e significativo, in stretta collaborazione con l’università La Sapienza di Roma, servirà per raggiungere un’intesa in fatto di edilizia scolastica – ha commentato Petrangeli all’apertura dei lavori – l’intesa ha il compito di avviare attività d’indagine e raggiungere obiettivi precisi dopo attente valutazioni e screening di ogni struttura presente sul territorio. Credo sia importante e lo ritengo un valore aggiunto di assoluto prestigio – aggiunge il primo cittadino – poter aver la collaborazione dei migliori professionisti del settore con i quali abbiamo avviato questo progetto teso, come detto, al miglioramento graduale e mirato dal punto di vista sismico”.

Petrangeli ha poi aggiunto che l’Amministrazione Comunale non solo ha terminato le verifiche sugli edifici scolastici e che gli stessi non hanno presentato nessun tipo di criticità, tanto che lunedì riprenderanno le normali attività, ma che il Comune può disporre di circa mezzo milione di euro per le attività di indagine tese a verificare lo stato di salute di tutte le strutture. Anche l’ingegner Peron ha sottolineato l’importanza di tale accordo dando anche dei numeri relativi alle 23 strutture scolastiche (per un totale di 480 mila metri quadrati e 183 mila metri cubi) di proprietà del Comune, 17 delle quali verranno attenzionate con maggiore scrupolo perché costruite prima del 1984 quando ancora non c’erano delle specifiche leggi in materia sismica.”Credo sia un’opportunità unica la collaborazione con La Sapienza e con alcuni tra i massimi ingegneri del settore – ha dichiarato Peron – questo consentirà non solo un vantaggio, ma al tempo stesso la possibilità di poter attuare una pianificazione migliore in tutti i sensi”.

Sostanzialmente l’accordo verte su tre punti ritenuti fondamentali dall’ing De Angelis che ha illustrato il progetto. 1) Sviluppare una collaborazione per la ricerca e la valutazione e la mitigazione del rischio sismico. 2) Incentivare la cultura e l’importanza del rischio sismico. 3) Stretta collaborazione con i professionisti del settore e con gli Ordini per poter attivare corsi di formazione e riuscire tutti a parlare la stessa lingua in tema sismicità.

Infine è stato presentato quello che è stato definito una sorta di Comitato Tecnico Scientifico al quale, oltre al sindaco Simone Petrangeli e l’ing. Maurizio Peron, prenderanno parte diverse figure universitarie di maggior spicco tra i quali, oltre agli ingegneri Braga, De Angelis e Sappa, anche i professori Salvatore Perno e Rossano Gigliotti.