gelminiLa titolare del dicastero dell’Università ha deciso di avviare un’indagine conoscitiva sulla vicenda del medico Fiocchi

Fonte: Corriere Canadese

Il ministro dell’Istruzione, dell’università e della Ricerca Mariastella Gelmini ha dato disposizioni per avviare un’indagine conoscitiva sulla vicenda che ha riguardato Claudio Fiocchi. Medico ricercatore italiano che lavora negli Stati Uniti, il docente ha rinunciato all’ incarico dato dal Miur relativo al giudizio di alcuni progetti scientifici che dovevano essere finanziati, dopo le «pressioni» che erano giunte dall’Italia.

«Quanto accaduto è inaccettabile - ha detto Gelmini - frutto di un malcostume difficile da estirpare. Non bisogna però demoralizzarsi, perché il lavoro per riaffermare la meritocrazia e la trasparenza nel sistema universitario e della ricerca in Italia continua. Chiederò al professore di rimanere perché non bisogna rinunciare alla speranza di avere un sistema diverso che premi i migliori.

 Ho dato disposizioni perché sia svolta un’indagine conoscitiva». La storia di Fiocchi è stata ricostruita da Repubblica.it, che cita una lettera inviata dal professore il 5 agosto all’ ufficio Prin (programmi di ricerca di rilevante interesse nazionale). «Faccio questo lavoro da molti anni, e non mi era mai successo. Oltre che negli Stati Uniti ho lavorato per il Cile, l’Argentina, l’Australia. Avevo accettato di essere un valutatore di questo progetto - si legge nella lettera - ma circostanze recentemente emerse mi forzano a lasciare l’incarico».

Fiocchi parla dei «contatti indesiderati» e conclude: «Considerando i conflitti di interesse e i problemi etici creati, non mi resta che rifiutare di valutare il progetto».