L’ERC finanzia 325 progetti di ricerca in EuropaI progetti, per i quali l'European Research Council stanzierà 485 milioni di euro, saranno finanziati nel corso dei prossimi mesi

Fonte: Rivistauniversitas.it
di Danilo Gentilozzi

L'European Research Council - ERC ha pubblicato la lista dei vincitori degli Starting Grants 2016, progetti di ricerca presentati in Europa nelle materie di Life Sciences, Physical Sciences and Engineering e Social Sciences and Humanities. I progetti, per i quali l'ERC stanzierà 485 milioni di euro, saranno finanziati nel corso dei prossimi mesi.

I progetti premiati sono 325, pari all'11% di quelli presentati (2.935), con maggioranza nettamente maschile. Al primo posto come numero di ricercatori premiati è la Germania (49 progetti), seguita dalla Francia (39) e a pari merito da Italia e Olanda (22). Per quanto riguarda la sede dei progetti vincitori, il primato spetta sempre alla Germania, con 61 progetti finanziati nelle proprie istituzioni, seguita da Regno Unito (59), Francia (46) e Olanda (29). L'Italia è all'undicesimo posto, con soli 10 progetti finanziati nelle proprie istituzioni.  

Dei 22 ricercatori italiani premiati, solo 8 lavorano in una struttura italiana, gli altri 14 all'estero (6 in Germania, gli altri in Belgio, Olanda, Austria e Regno Unito). Per quanto riguarda i 10 progetti vincitori ospitati in istituzioni del nostro Paese, 8 sono di italiani e 2 sono stati vinti da ricercatori provenienti dall'Est Europa.  

Il confronto con gli altri Paesi europei conferma purtroppo la scarsa attrattività dell'Italia. In Germania, ad esempio, su 49 ricercatori vincitori solo 20 lavorano all'estero; in Francia, su 39 vincitori solo 10 lavorano all'estero. Su 61 progetti vincitori in istituzioni tedesche, più della metà sono progetti di persone che provengono da paesi UE e non UE oltre la Germania. Nel Regno Unito, su 59 progetti vincitori ospitati in proprie istituzioni, solo 19 sono quelli di ricercatori britannici. La Francia ripartisce a metà i progetti vincitori nelle proprie istituzioni: su 46 progetti, 23 sono affidati a francesi e il resto a europei e non europei.