Google porta il suo kit degli «attrezzi» in università: a Bologna il primo LabUn trampolino di lancio per studenti e docenti che vogliono sfruttare le tecnologie per progetti di studio e di ricerca

Fonte: Il Sole 24 Ore
di Antonio Larizza

È questo lo scopo dell’«Innovation development center», il primo laboratorio universitario in italia realizzato con tecnologie «Google for work», che sarà inaugurato oggi presso il dipartimento di Informatica dell’Università di Bologna. Le tecnologie saranno fornite da Injenia, premier partner Google in Italia: studenti e professori potranno utilizzare gratuitamente potenti risorse software, anche in cloud, con l’obiettivo congiunto di abilitare nuovi percorsi formativi.

La proprietà intellettuale resta in Ateneo
«L’utilizzo degli attrezzi - spiega Federico Baffetti, che si occupa di business development & innovation presso Injenia - potrà riguardare la realizzazione dell’idea di un singolo studente, dopo che questa è stata approvata da un docente. Ma anche ricerche, analisi e sviluppo di applicazioni necessarie per la stesura di una tesi di laurea o per l’esecuzione di un tirocinio formativo». La proprietà intellettuale di tutto ciò che verrà prodotto all’interno del laboratorio «resterà all’università o all’autore del singolo progetto», precisa Baffetti, che aggiunge: «Il vantaggio, per Google e Injenia, è quello di entrare in contatto con persone curiose e con gli studenti più intraprendenti con le nuove tecnologie: il modo migliore per reclutare talenti».

Quattro nuovi «attrezzi» per l’Università
Gli studenti e i professori del dipartimento di Informatica dell’Università di Bologna potranno contare, per i loro progetti di tesi e ricerca, su quattro tipologie di «attrezzi» e sull’assistenza da parte di personale tecnico fornito da Injenia. Si parte da strumenti noti, come le «Google Apps for education»: l’insieme di soluzioni pensate per la condivisione collaborativa di informazioni e contenuti (posta elettronica, Google Drive, Google Docs, ecc.). Poi ci sono le «Google Maps Api for work», una versione dedicata delle mappe Google pensate per costruire applicazioni: dal geomarketing alla misurazione delle distanze, all’ottimizzazione dei percorsi.

Poi c’è un secondo livello di soluzioni, decisamente più interessanti. Ne fa parte il «Google Search for work»: un server per sperimentare gli algoritmi di ricerca Google all’interno di una realtà intranet. Studenti e professori potranno così indicizzare archivi di informazioni presenti in università o costruiti ad hoc, contando sulla potenza di calcolo e di elaborazione degli algoritmi utilizzati da Google per il suo motore.

Tra le soluzioni evolute c’è infine la «Google Cloud platform»: un insieme di tecnologie per compiere memorizzazione e analisi di dati in cloud, ma anche per visualizzare e presentare i risultati di queste attività. In sostanza l’università potrà maneggiare Big Data, realizzare reportistica avanzata e visualizzazioni dei risultati ottenute aggregando grandi quantità di informazioni.

Il primo studente è già al lavoro
Il laboratorio sarà inaugurato oggi, ma è già stato identificato un primo percorso di tesi che confluirà all’interno dell’I«nnovation development center» di Bologna. Si tratta di una tesi che sfrutterà l’analisi di dati ottenuto con il tracciamento dello sguardo per valutare le interazioni degli utenti durante la navigazione web: l’obiettivo è ottimizzare le caratteristiche di un sito di e-commerce.

A Bologna il primo passo per una rete di Lab d’Ateneo
Il rapporto stretto con l’Università è nel Dna di Google, come dimostrano le sue origini e i legami con grandi centri come il Mit e Stanford. L’esperienza di Bologna è il primo passo per entrare in contatto anche con le università italiane. L’iniziativa si inserisce all’interno dei programmi che Big G ha in corso nel mondo dell’education, in molte scuole italiane, di ogni ordine e grado. Ora tocca all’Università, con anche uno spazio fisico che potrà rendere “visibile” questa collaborazione.

Anche Apple «incontra» gli studenti
Nel giorno in cui Google inaugura il primo “Innovation developement center” a Bologna, Apple annuncia la creazione in Italia del primo Centro di Sviluppo App iOS d’Europa. La nota con cui l’azienda ha presentato l’iniziativa spiega che il Centro nasce «per fornire agli studenti competenze pratiche e formazione sullo sviluppo di app iOS».