La Non occupano le stazioni e non bloccano le strade, e forse per questo della protesta dei docenti universitari si legge poco

Fonte: la Repubblica
di Carlo Clericetti

Non solo, non hanno nemmeno interrotto lezioni ed esami, per non danneggiare gli studenti. La loro agitazione - almeno finora - si esprime attraverso mozioni approvate dai Senati accademici (ben 129 di 46 atenei), con una lettera al presidente della Repubblica firmata da oltre 14.000 docenti e con l'ostruzionismo alla VQR, una delle sigle esoteriche ormai numerose negli ambienti accademici che sta per "valutazione della qualità della ricerca".

A scatenare la protesta è una norma della Legge di stabilità, in cui, pur non rinnovando il blocco degli scatti e delle classi di stipendio rimasto in vigore dal 2011 al 2015, non vengono riconosciuti gli effetti giuridici di quanto sarebbe maturato nel quinquennio, come invece è stato fatto per tutti gli altri dipendenti pubblici, per i quali peraltro il blocco era già finito dall'inizio di quest'anno.

"Per evitare equivoci e strumentalizzazioni - spiega un comunicato - i docenti precisano che non chiedono nessuna restituzione né arretrati per il quadriennio 2011-2014. E non chiedono neanche aumenti di stipendio, ma solo di poter percepire dal 1° gennaio 2015, come tutte le altre categorie del pubblico impiego, le retribuzioni che sarebbero spettate loro in assenza del blocco del quadriennio 2011-2014".

E' difficile, in effetti, capire perché sia stata decisa questa discriminazione, visto anche che gli stipendi degli universitari non sono certo tra i più alti del pubblico impiego. Sembra quasi che ci si voglia accanire contro l'università, già colpita in questi anni da tagli pesanti e riduzione del numero dei docenti, con risultati non certo incoraggianti: gli iscritti continuano a diminuire, e abbiamo appena conquistato l'ultimo posto nell'Ocse per laureati tra i 25 e i 34 anni (24% contro una media del 41) superati anche dalla Turchia, come ha prontamente rilevato il sito roars.it, leader nell'informazione su queste tematiche.

Alla lettera del rappresentante del movimento il presidente Mattarella ha risposto spiegando che non ha titolo per intervenire sulla materia, ma ha sottoposto il problema al ministero, cosa che è stata giudicata "molto soddisfacente" dai promotori. Nel frattempo la procedura di valutazione della ricerca resta bloccata, e così la distribuzione dei fondi agli atenei, che da quella dipende. Quella sulla VQR è in effetti una lotta "parallela", perché i suoi meccanismi vengono ritenuti inadeguati, e in gran parte delle 129 mozioni se ne chiede una "radicale riformulazione".

Il presidente Renzi negli ultimi tempi ha annunciato due iniziative che riguardano la ricerca, la prima sul rientro dei "cervelli fuggiti all'estero" e l'altra sulla destinazione a questo scopo dell'area Expo. Ottime cose, a patto di non far fuggire più cervelli di quanti ne rientrano e di non lasciar degradare le strutture che già ci sono.