Progetto IRIDE: il 94% dei docenti e ricercatori italiani ha ottenuto il codice ORCIDIl codice ORCID è un codice d’identificazione alfanumerico dei ricercatori che confluisce in un registro gratuito, aperto e indipendente

Fonte: Rivistauniversitas.it
di Danilo Gentilozzi

In vista della chiusura delle operazioni di registrazione (30 novembre), quasi il 94% tra docenti e ricercatori italiani (61.136 su 65.124 persone) ha richiesto il codice identificativo ORCID, primo passo del progetto I.R.I.D.E. realizzato in collaborazione tra Anvur, Crui e Cineca.

Il codice ORCID è un codice d’identificazione alfanumerico dei ricercatori che confluisce in un registro gratuito, aperto e indipendente. I dati riportati nel registro non sono sensibili e sono quindi anche interrogabili da terzi. Obiettivo del registro è identificare in modo concreto gli autori di pubblicazioni scientifiche.
La richiesta di questo codice è solo il primo di una serie di passi che dovrebbero portare presto alla costruzione dell’Anagrafe nazionale della ricerca (ANPRePS). In seguito al possesso del codice identificativo, i ricercatori e i docenti saranno invitati ad inserire dati riguardanti le proprie pubblicazioni e altre informazioni. Non è escluso che il codice ORCID possa essere assegnato anche a studenti di dottorato e ai ricercatori non strutturati.
Secondo l’Anvur, che ha portato tale strumento a conoscenza della comunità scientifica italiana (è stato lanciato a livello internazionale il 16 ottobre 2012), l’acquisizione del codice sarà utile anche in vista dell’accreditamento per la nuova Valutazione della Qualità della Ricerca 2011-2014, nonostante le problematiche delle ultime settimane.