Ue: 13 università Italia scelte per progetti con Paesi terziObiettivo promuovere nuovi modelli insegnamento e curricula

Fonte: ANSA

Sono ben 13 i progetti che hanno come partner università italiane, tra i 140 selezionati dalla Commissione europea nel contesto del programma "Higher education capacity building". Questo mira a promuovere nuovi modelli di insegnamento universitario e nuovi curricula, e a migliorare la qualità gestionale in diversi campi del sapere in Europa grazie anche alla collaborazione di università di Paesi terzi.

Tra i partner italiani dei progetti selezionati ci sono l'Unione delle Università del Mediterraneo, con un progetto di accesso all'istruzione superiore per i Paesi dell'area e un progetto sull'occupazione, poi l'Università della Calabria con l'internazionalizzazione del sistema universitario della Libia, e l'Università di Sassari con la gestione del territorio in Egitto).

Ci sono poi l'Università di Roma Tre con un programma per l'integrazione energetica nell'area mediterranea, l'Università La Sapienza con corsi europei per lo sviluppo delle energie rinnovabili, il consorzio universitario Almalaurea con un progetto per l'occupazione giovanile in Vietnam.

Inoltre sono state scelte anche l'Università del Sannio, con un programma per le tecnologie nella riabilitazione, l'Università del Molise con la protezione del territorio nei Paesi eurasiatici, il Politecnico di Milano con un progetto su nuovi servizi, business e risorse umane e un altro per un network internazionale sulla sostenibilità, e infine l'Università di Genova con un progetto per l'efficienza energetica degli edifici.

I progetti selezionati da Bruxelles hanno come partner extra europei università dell'America Latina, Asia, Russia, Sudafrica e dei paesi confinanti con l'Ue. Responsabile dello svolgimento del programma europeo è l'Agenzia europea esecutiva per l'istruzione, gli audiovisivi e la cultura (Eac) nel contesto del programma europeo Erasmus+.