usuraDai circoli di Nuova Italia arriva la proposta per una Fondazione. Grave la situazione della provincia di Rieti, posizionata al settimo posto in Italia per rischio usura, con persone strozzate da interessi fino al 120 per cento

 
Fonte: Il Corriere di Rieti
Autore: Leonardo Ranalli

Circoli di Nuova Italia, nominati i responsabili della struttura si è aperto il tesseramento. Stagione di rinnovi e di nuovi adepti per partiti politici e non solo, ad avviare la campagna promozionale per accaparrarsi altri sostenitori è il circolo Nuova Italia di Rieti che, sabato scorso, ha dato il via al tesseramento per i sostenitori del Pdl che in area romana e Alemanniana si rifanno all’associazione e al cordinatore regionale Felice Costini. Tra le proposte dell’associazione l’istituzione della fondazione antiusura. La campagna di adesione arriva dopo la nomina dei responsabili della struttura che vedrà come coordinatore provinciale Fabio Mazzetti, già consigliere della I circoscrizione e responsabile della componente giovanile Daniele D’Angeli. Diverse saranno le tappe del tesseramento che sostanzialmente saranno pubblicizzate in maniera itinerante per far conoscere in maniera capillare le attività e gli obiettivi dei circoli. L’iniziativa promozionale avrà scadenza settimanale e avrà luogo ogni sabato in diversi quartieri di Rieti e provincia, per così proseguire senza tregua fino a ottobre, con l’ultimo appuntamento in piazza Vittorio Emanuele II. Al centro dell’attenzione dei sostenitori dei circoli non ci saranno solo discussioni squisitamente politiche, ma anche tematiche e progetti sociali, sportivi e culturali. Tra le novità e le proposte prioritarie presentate c'è la richiesta di dare concretizzazione alla fondazione anti-usura che ha visto finora solo il Comune di Rieti, tra gli enti firmatari, mantenere l’impegno per una sua creazione e ciò si rende ancora più urgente dopo le segnalazioni arrivate anche da Confartigianato. “L’associazione di categoria - specificano dal circolo - nei giorni scorsi ha denunciato su un organo di stampa la grave situazione della provincia di Rieti, posizionata al settimo posto in Italia per rischio usura, con persone strozzate da interessi fino al 120 per cento”. I circoli chiedono che i soggetti impegnatisi nella istituzione della fondazione mantengano quanto stabilito già alcuni anni fa, soprattutto in una fase di crisi economica come quella attuale, in cui le famiglie, i commercianti e le imprese possono facilmente cadere nella spirale soffocante dei prestiti usurari. Per combattere efficacemente il fenomeno, sono stati intanto previsti a livello centrale due fondi di garanzia: uno di prevenzione e uno di solidarietà. Il fondo di prevenzione, istituito presso il Ministero dell’Economia e delle Finanze, mette a disposizione dei Confidi (strutture consortili e cooperative formate, a livello locale, da rappresentanti delle categorie economiche e produttive) e delle Fondazioni antiusura somme di denaro con le quali fornire alle banche garanzie sui prestiti concessi ai soggetti in difficoltà. Il fondo di solidarietà invece offre agli operatori economici, ai commercianti, agli artigiani, ai liberi professionisti che hanno denunciato gli usurai, l’occasione di reinserirsi nell’economia legale elargendo un mutuo senza interessi da restituire in dieci anni, il cui importo è commisurato agli interessi usurari effettivamente pagati.