penaRapporto di "Nessuno tocchi Caino": l'87% in Cina. I paesi abolizionisti sono 151, in 46 hanno deciso di tenerla. Asia in testa per le condanne

Fonte: Dire

Sono state 5.727 le esecuzioni capitali avvenute nel mondo nel 2008, contro le 5.851 del 2007 e le 5.635 del 2006. Tra i paesi in cima alla lista dei boia in azione, Cina, Iran e Arabia Saudita. In particolare, la Cina ha effettuato almeno 5.000 esecuzioni, circa l'87,3% del totale mondiale. L'Iran ne ha effettuate almeno 346, l'Arabia Saudita 102. Seguono Corea del Nord (63), Pakistan (36), Iraq (34). È quanto emerge dal rapporto 2009 sulla pena di morte nel mondo diffuso oggi da Nessuno Tocchi Caino. I Paesi o i territori che hanno deciso di abolire la pena capitale sono 151. Di questi, le nazioni totalmente abolizioniste sono 96. Mentre quelle che hanno deciso di mantenerla sono scesi a 46, a fronte dei 49 del 2007, dei 51 del 2006 e dei 54 del 2005. Ancora una volta l'Asia si conferma essere il continente dove si pratica la quasi totalita' della pena di morte nel mondo. Se si stima che in Cina vi sono state almeno 5.000 esecuzioni, il dato complessivo del 2008 nel continente asiatico corrisponde ad almeno 5.666 esecuzioni (il 98,9%), in calo rispetto al 2007 quando erano state almeno 5.782.