Irregolarità nei test di Medicina, ecco il maxi ricorsoRete degli studenti medi e Udu hanno aperto le adesioni per l'esposto con la richiesta di sequestro dei compiti, da inoltrare alla Procura

Fonte: Ustation.it

Sono centinaia le irregolarità denunciate da ogni parte d'Italia. I test d'ingresso di Medicina sono stati un disastro dal punto di vista della tutela dei diritti dei candidati. Questo almeno è la prospettiva di Rete degli studenti medi e Udu che stanno raccogliendo in queste ore tutte le segnalazioni.

Si parla di violazione dell’anonimato, plichi di test danneggiati, violazioni diffuse della procedura, domande palesemente errate e tanto altro.
Le irregolarità più gravi segnalate a UDU e Rete si sono verificate a Bari, dove un plico, non solo è stato aperto prima che gli studenti entrassero, ma addirittura al suo interno sono state ritrovate solo 49 buste a fronte delle 50 che dovevano essere presenti dentro ogni plico: motivo per cui l’intero test potrebbe essere annullato.

Gianluca Scuccimarra, Coordinatore Nazionale Unione degli Universitari, è intervenuto sulla questione: “Le gravi irregolarità che stiamo riscontrando anche quest’anno dimostrano la palese inefficienza e iniquità di questo sistema: alcune domande palesemente errate, un plico danneggiato e mancante di una busta a Bari, violazioni dell’anonimato che non accennano a finire, ragazzi che si potevano sedere in ordine sparso senza alcun controllo. A causa delle numerosissime irregolarità che si sono verificate - continua Scuccimarra -, anche quest’anno l’UDU, insieme alla Rete degli Studenti Medi, apre le adesioni al Maxi Ricorso collettivo contro i test d’ingresso: abbiamo già ricevuto numerosissime richieste di adesione al ricorso provenienti da tutta Italia. Chiunque voglia aderire e abbia riscontrato irregolarità durante lo svolgimento del test contatti Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. o faccia segnalazione attraverso l’APP test d’ingresso sicuro 2014.