pallaMelilli: “Ci sono problemi più importanti”. Costini: “Decisione presa da tempo”. I tifosi: “Abbiamo perso la cosa più bella”

Fonte: Il Corriere di Rieti

Delusione, rabbia e amarezza. Sono questi i sentimenti che si respirano per le vie di Rieti in questi giorni, da quando sabato la Federazione italiana della pallacanestro ha sancito il trasferimento della Sebastiani a Napoli. La città ha il cuore a pezzi per aver perso “l’unica cosa bella della città”, come la definita qualche cittadino, portata via da Gaetano Papalia, presidente della società, indicato da molti come l’unico colpevole di tutta la vicenda che ha visto Rieti restare orfana della realtà sportiva più importante. Il rammarico è generale. Dalla gente comune ai tifosi senza dimenticare il mondo politico cittadino. Il presidente della Provincia Fabio Melilli fa notare che oltre al dispiacere, ci siano problemi più importanti da risolvere, mentre il suo antagonista elettorale Felice Costini pensa che era stato tutto già deciso da tempo. Alle pagine 5, 6 e 7 Ajmone Filiberto Milli Biagio Speranza Leonardo Ranalli