I vecchi alberi sono i polmoni della TerraPiù invecchiano, più catturano CO2

Fonte: ANSA

I vecchi alberi sono i veri polmoni del nostro pianeta che, contrariamente a quanto si credeva, catturano una quantità di anidride carbonica decisamente maggiore rispetto a quanto fanno gli alberi più giovani. E' quanto emerge dalla ricerca condotta dell'Agenzia americana per la ricerca geologica (Usgs), pubblicata sulla rivista Nature.

La ricerca, coordinata da Nate Stephenson, ha coinvolto 38 ricercatori di 16 Paesi ed è stata condotta su 403 specie alberi: da quelle tropicali a quelle caratteristiche degli ambienti temperati. E' emerso che con il passare degli anni il 97% degli alberi aumenta il tasso di crescita e, invecchiando, assorbe più anidride carbonica. I dati sono stati raccolti grazie ad rete globale attiva in tutto il mondo, che ha permesso di misurare contemporaneamente i parametri relativi a 673.046 alberi, alcuni dei quali 'ultra ottantenni'.

I dati indicano che i grandi vecchi alberi come la sequoia sempreverde o l'eucalipto australiano hanno una straordinaria capacità di crescita che non rallenta con l'età e di conseguenza sono in grado di eliminare dall'atmosfera una grande quantità di anidride carbonica. "Sono alberi giganti - dice Stephenson - che, negli esemplari più grandi, hanno una crescita che può arrivare a 600 chilogrammi l'anno. E' come se gli esseri umani continuassero a crescere anche dopo l'adolescenza: arriveremmo a pesare 500 chili alla mezza età e ben più di una tonnellata al momento della pensione''.