apolloPer festeggiare l’anniversario il sito della Nasa mette a disposizione curiosità sull’allunaggio e pubblica on line uno speciale interattivo dedicato alla missione che ha segnato la storia dell'umanità

Fonte: Dire Giovani

Com'era l'interno del modulo della missione Apollo allunato sul satellite il 20 luglio di 40 anni fa? Dove è stata posizionata the American flag, la bandiera amercana simbolo della conquista umana della Luna? Cosa si sono detti Armstrong e Aldrin durante la loro prima storica passeggiata sul pallido suolo lunare?

Queste sono alcune delle curiosità che potrete soddisfare sul sito della Nasa, nello speciale interattivo dedicato alla missione che ha segnato la storia dell'umanità.

Entrando nella sezione si ha la sensazione di fare un salto indietro nel tempo: subito si sente scorrere l'audio originale delle conversazioni avvenute tra gli astronauti e Houston al momento del “piccolo passo per l'uomo, grande balzo per l'umanità”, con la possibilità di leggerne la trascrizione (in inglese ovviamente).
E poi si può “spulciare” la struttura del modulo lunare, entrare nella cabina e leggere la targa lasciata dagli astronauti sulla Luna che recita “Here men from the Planet Earth first set foot upon the moon, July 1969, A.D. We came in peace for all mankind" (“Qui, uomini dal pianeta Terra posero piede sulla Luna per la prima volta, luglio 1969 DC. Siamo venuti in pace, per tutta l'umanità").

Mentre per chi volesse sapere di più sulle missioni Apollo, il sito ospita anche una parte di contenuti illustrati, ancora in fase di allestimento e dedicata a tutto il programma, con cartoni animati che raccontano le gesta degli astronauti e dove si possono visionare foto e filmati d'epoca, incluso quello dello storico allunaggio.

E a proposito delle immagini che il 20 luglio 1969 hanno fatto il giro del mondo, di questi giorni è la notizia data dal Daily Express secondo cui la Nasa avrebbe ritrovato le cassette originali con le immagini ad alta definizione del primo allunaggio, perse durante i lavori di compressione del filmato commissionati al Parkes Observatory in Australia per la telediffusione. Secondo il tabloid l'Agenzia statunitense aspetterebbe proprio il giorno dell'anniversario per confermare il fortuito ritrovamento e mostrare al mondo le vere riprese della telecamera lunare, fruibili finalmente con il dettaglio originale. Basterà a placare i teorici della cospirazione?