La penna del futuro: Tell+Write fa incontrare aziende e PolitecnicoDieci prototipi di penna promozionale realizzati dal Dipartimento Architettura e Design del Politecnico con un’azienda di San Mauro Torinese. Un’efficace sinergia tra industria e università

Fonte: La Stampa

Un esempio di “re-design”, di riflessione progettuale su un oggetto quotidiano; ma anche un felice incontro tra impresa e accademia e di un prodotto progettato e nato interamente sul territorio. Tell+Write è un’iniziativa che ha raccolto 10 progetti diversi tutti legati alla penna da scrivere, da produrre e progettare in materiali eco innovativi. L’Accademia è rappresentata dal Dipartimento di Architettura e Design del Politecnico di Torino, mentre l’impresa è Stilolinea srl.
Sarà questa azienda di San Mauro Torinese, specializzata in penne promozionali, a produrre a partire dal 2014 le penne uscite dalle menti dei progettisti. Una penna innovativa, ecologica in tutto il processo di produzione e sviluppata grazie all’uso delle tecnologie digitali e di prototipazione più avanzate in dotazione del Politecnico. Declinata in dieci modi differenti.

Alcune di queste penne prevedono, come personalizzazione, la sola sostituzione della clip; altre hanno pensato all’ergonomia con un design triangolare, altre ancora hanno reso tangibile uno degli usi impropri più diffuso della penna, vale a dire il fermaglio per capelli. È stata la Stilolinea a rivolgersi al Dipartimento del Politecnico per sottoporre ad un esame strutturale la propria organizzazione e il proprio sistema di produzione. La consulenza prevedeva anche la definizione di nuovi progetti. Poi è nata l’idea di sfruttare le capacità degli studenti dei corsi di laurea in Design e Comunicazione e quelli della Laurea Magistrale in Ecodesign, coordinati da Paolo Tamborrini e Fabrizio Valpreda.

Il 12 dicembre, al Castello del Valentino, è avvenuta la presentazione del progetto, all’interno di un seminario a cui hanno partecipato esponenti dei giovani imprenditori e di alcune industrie importanti di Torino quali Lavazza e Fiat-Chrysler. Quello che è emerso è un’ipotesi di futuro. La penna di domani dovrà essere ecocompatibile e integrata con i sistemi digitali; i progetti di domani, invece, a quanto è dato a vedere da Tell+Write, vedranno una maggiore integrazione delle risorse universitarie e di azienda.