Le Startup entrano nelle universitàPartirà a settembre il progetto pilota “Good Startups 101”, una serie di workshop per insegnare ai giovani le basi del social business e avvicinare il mondo della formazione accademica a quello del lavoro

Fonte: Ustation.it

La startup entra ufficialmente nel mondo dell’Università. In un momento di forte crisi del lavoro si punta sulla creatività dei giovani che possono così creare il proprio lavoro diventando imprenditori e ad accompagnarli in questo percorso, oltre alle tante iniziative promosse dai privati, scende in campo anche il mondo della formazione accademica con corsi specifici per insegnare le basi del social business.

Il progetto pilota si chiama “Good Startups 101”, partirà a settembre a Milano, Torino e alla Ca’ Foscari di Venezia, è promosso da AIESEC e dalla onlus Plain Ink e consisterà in una serie di worlshop specifici per aiutare gli studenti a ideare prodotti e servizi sostenibili e ad alto impatto sociale.

L’obiettivo dei workshop è quello di eliminare il gap formativo trasformando così le università in veri e propri punti di riferimento per ispirare innovazione, occupazione e crescita.

I workshop si articoleranno in otto incontri, uno a settimana, che permetteranno agli studenti di affinare le proprie idee, creare un business model canvas, individuare partner, realizzare brand e trovare investimenti. Il tutto con un approccio molto votato alla pratica e con la testimonianza diretta di quanti sono stati definiti “visionari” per il loro modo di operare e supportare idee innovative: da Maria Hermoso di Only the Brave Foundation a Roberto Olivi di BMW Italia, fino a Paolo Gualdani di Angelab Ventures.