La Maturità è al rush finale. Poi l'incognita del Chi dovrà sostenere il test di ammissione a Medicina e alle altre facoltà a numero programmato nazionale sta già facendo un altro calcolo: quello del bonus-maturità. Per ottenerlo, occorre superare l'esame di licenza superiore con almeno 80/100

Fonte: la Repubblica
di Salvo Intravaia

Esami di maturità al rush finale. Ma per moltissimi studenti lo studio continuerà anche in estate per l'accesso alle facoltà a numero chiuso. I test di ammissione sono slittati da luglio a settembre e occorre darsi da fare se ci si vuole accaparrare un posto.  In questi giorni, si stanno svolgendo gli orali degli esami di stato del secondo grado, ma già per metà dei 467mila studenti alle prese con il primo vero esame della propria vita, l'ultima fatica è già un ricordo. In 5 giorni di colloqui, al ritmo di cinque candidati alla volta, una classe è già stata passata in rassegna dalle commissioni giudicatrici. E gli studenti cominciano a fare i primi conti.

Il voto finale sarà infatti la semplice somma tra il credito maturato nel corso degli ultimi tre anni  -  di cui i ragazzi sono a conoscenza  -  degli esiti delle prove scritte, pubblicati prima che vengano avviati gli orali, e del voto del colloquio, unico punteggio per cui i ragazzi devono attendere la pubblicazione dei tabelloni. Coloro che, tra scritti e orali, avranno racimolato 70 punti potranno ottenere dalla commissione un bonus aggiuntivo che può arrivare fino a 5 punti. Coloro che avranno ottenuto il massimo punteggio nelle prove d'esame  -  75 punti  -  e nel credito scolastico  -  25 punti  -  potranno aspirare alla lode riservata ai cervelloni.

In quanto, oltre ad essere promossi con la media del 9,01 nell'ultimo triennio, occorre anche che in pagella non figuri nemmeno un sette. Inoltre, per aspirare al massimo punteggio possibile, tutte le deliberazioni  -  sia dei consigli di classe sia della commissione degli esami di stato  -  devono essere state prese all'unanimità. Ma, quello del bonus aggiuntivo è soltanto il primo calcolo che fanno gli studenti in questi giorni. Chi dovrà sostenere il test di ammissione a Medicina e alle altre facoltà a numero programmato nazionale  -  Odontoiatria, veterinaria, Architettura e Professioni sanitarie  -  fa un altro calcolo: quello del bonus-maturità.

Per ottenere il bonus-maturità che si andrà a sommare all'esito del test  -  che da quest'anno mette in palio 90 punti  -  occorre superare l'esame di maturità con almeno 80 centesimi. A partire da questo punteggio scatta un premio variabile da uno a dieci punti che, sommati all'esito del test, potranno fare la differenza. Ma per sapere su quanti punti potranno contare gli aspiranti camici bianchi e i futuri architetti dovranno aspettare il 30 agosto prossimo, quando il ministero dell'Istruzione pubblicherà i "percentili" relativi alle singole commissioni di maturità che assegnano i punteggi. Lo stesso punteggio darà luogo a un bonus maggiore se in quella commissione i voti non sono stati tropo alti, darà assegnerà invece un bonus più basso se sono fioccati voti alti.

E coloro che si piazzeranno nelle "zone altissime" potranno anche aspirare ad una "borsa di mobilità", riservata agli studenti che decideranno di studiare in un ateneo ubicato in una regione diversa da quella di residenza. La novità è stata introdotta a pochi giorni dall'inizio degli esami per coloro che si diplomeranno con almeno 95 centesimi. Il governo Letta, per incentivare la cosiddetta mobilità studentesca, che in Italia è piuttosto ridotta rispetto alle altre nazioni europee e no, ha deciso di infatti premiare con una borsa di mobilità proprio le eccellenze.