40 anni fa la prima chiamata cellulareIl 3 aprile del 1973 Martin Cooper della Motorola chiamò un collega della Bell  con un cellulare. Poi nel 1983 il primo telefonino venne commercializzato. Da status symbol a oggetto di massa in una manciata di anni

Fonte: la Repubblica

E' una storia lunga 40 anni e ha pure una data d'inizio: il 3 aprile del 1973, il giorno in cui, con la prima telefonata da rete cellulare, si è aperta l'era dei telefonini. La scena si svolge per le strade di New York, dove l'ingegnere della Motorola Martin Cooper (adesso 85enne) prova il suo apparrecchio cellulare che ha la grandezza di una scarpa. Sa già chi chiamerà, e forse se la ride: il suo amico e rivale della Bell Laboratories AT&T, Joe Engel, che lavora nella sua stessa direzione. Compone il numero del suo ufficio e con due frasi due scrive la storia: "Alla Motorola ce l'abbiamo fatta, la telefonia cellulare è una realtà".

Se questa chiamata è scritta nei libri di storia della tecnologia, va detto che da quel giorno ne dovette passare di acqua sotto i ponti prima che il telefonino venisse commercializzato. Tanto tempo e tanti soldi: dieci anni e un investimento di un milione di dollari per mettere a punto il DynaTAC, acronimo di Dynamic Adaptive Total Area Coverage, considerato il primo telefonino di sempre. Certo, quel diminutivo c'entrava poco. Chi c'era si ricorda di quell'oggetto che pesava un chilo e costava uno sproposito, quattromila dollari, e non aveva lo schermo. Con una batteria che nonostante le dimensione non riusciva a resistere per più di mezz'ora e la ricarica durava uno sproposito.

Dal 1983, giorno in cui comparve sugli scaffali, il telefonino cominciò a diffondersi tra le persone più abbienti che lo sfoggiavano come vero e proprio status symbol. E così è rimasto per diversi anni: ce ne sono voluti ben sette prima di raggiungere il milione di utenti. Da quel momento in poi, però, lo sviluppo è andato al galoppo: i gadget è diventato di massa, ha cambiato forma sino a diventare in qualche caso piccolo e sottilissimo (sempre con la Motorola il prima fila, ricordate il Razor?), in molti casi economico, quasi sempre con potenza pari ai computer di qualche manciata di anni prima e con capacità di collegarsi in rete in modo soddisfacente. Un successo che, anno dopo anno, non ha conosciuto limiti. Forse, come scrive Ernesto Assante in questo articolo, i limiti li sta conoscendo proprio adesso, considerando che sembra essere giunto all'apice della sua capacità innovativa.

E voi, conservate ancora i vecchi telefonini che hanno scandito questa straordinaria evoluzione? A quale vi siete affezionati di più? Tirateli fuori dai cassetti e inviateci una foto all'indirizzo This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.. Per raccontare con immagini - le vostre - la storia di un oggetto che ha cambiato la vita di tutti.