Regionali, il Lazio passa al centrosinistraZingaretti:«Da oggi sarò il presidente di tutti»

Fonte: Corriere della Sera

Nicola Zingaretti scioglie il riserbo e ammette la vittoria: è lui il nuovo governatore del Lazio. «Grazie a tutti i cittadini che mi hanno votato e coloro che hanno partecipato alle elezioni facendo scelte diverse. Io da oggi sarò il presidente di tutti. Lo dico perchè la nostra Regione ha bisogno di grande serenità. L'obiettivo non è solo voltare pagina rispetto agli scandali, sarebbe poco. Vogliamo un''innovazione profonda che che passa anche attraverso la trasparenza e la lotta agli sprechi con un cronoprogramma per tagliare i costi inutili». E sul contendente aggiunge: «Pochi minuti fa mi ha telefonato Storace per farmi gli auguri, si è battuto come un protagonista in questa campagna elettorale molto difficile», Il candidato di centrodestra ha ammesso la sconfitta: «E' stata una battaglia difficile, ci siamo battuti ma abbiamo perso».

VENDOLA E BERSANI - La vittoria di Nicola Zingaretti è una bellissima notizia che riconsegna al centrosinistra una Regione importante come il Lazio che da oggi potrà tornare ad essere governata con rigore, sobrietà e attenzione ai problemi sociali. Bravo Nicola!» commenta il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani. E al comitato di Zingaretti è arrivato anche Nichi Vendola, segretario di Sel, che lo ha abbarcciato per complimentarsi della vittoria.

PROIEZIONI E DATI - Nel Lazio si consolida il divario tra i principali candidati per la poltrona di governatore. Secondo laottava e ultima proiezione (su quasi il 95% del campione) di Piepoli per la Rai sulle regionali, Nicola Zingaretti (centrosinistra) è in testa con il 38,9%. Segue, con un distacco di dieci punti e mezzo, Francesco Storace (centrodestra) al 29% . Terzo Davide Barillari, Movimento 5 Stelle, al 21,4% e quarta Giulia Bongiorno (centro) al 5%e Sandro Ruotolo di Rivoluzione civile al 2,1%

DATI REALI
-Dati parziali sui candidati presidente per la Regione quando sono state scrutinati oltre la metà dei seggi (2.858 sezioni su 5.267), come riporta il Viminale. La coalizione di centrosinistra guidata da Nicola Zingaretti è in vantaggio con il39% (il solo Pd è al 25,9%). La coalizione di Francesco Storace segue con il 32,3% (il Pdl è al 19,4% e La Destra al 3%), mentre il Movimento 5 Stelle, è al 18,8%; . Più staccati, invece, la coalizione centrista di Giulia Bongiorno che raccoglie il 4,8% e Rivoluzione Civile al 2%.

SPOGLIO LENTO- Le proiezioni sono gli unici dati su cui di può finora fare affidamento. Lo spoglio prosegue a rilento (alle 21 solo il 50%) , soprattutto nella capitale. A quattro ore dall’inizio delle operazioni, al Viminale non era ancora stato comunicato alcun dato relativo alle 2.600 sezioni di Roma città. Alla base del ritardo, forse anche le contestazioni sulle preferenze che riguardano soprattutto i grillini. «Eravamo in attesa, e in parte siamo ancora in attesa, di risultati più celeri da parte del ministero degli Interni» ha ammesso Zingaretti. « Le regionali sono elezioni complicate, le schede sono complesse, spero comunque in un'accelerata finale e che si possa chiudere presto» ha detto il il ministro dell'Interno Anna Maria Cancellieri.