Un Terminator eliminerà la razza umana?A Cambridge il centro studi anti-estinzione. Obiettivo, evitare la sopraffazione dell'uomo da parte di tecnologia "troppo intelligente"

Fonte: la Repubblica

Un centro studi anti-Terminator, e per estensione, ogni altra possibile tecnologia killer, che possa minacciare la sopravvivenza della razza umana. La struttura è nata a Cambridge, presso la prestigiosa Università locale. Il pensatoio - nome in codice: Centre for the Study of Existential Risk - verrà codiretto dall'astronomo Lord Rees e si concentrerà sui "quattro grandi rischi" che minacciano l'esistenza della specie umana. Ovvero l'intelligenza artificiale, il cambiamento climatico, la guerra nucleare e le biotecnologie "canaglia".

Discipline convergenti. Il centro riunirà le migliori menti da discipline diverse fra loro come la filosofia, l'astronomia, la biologia, la robotica, l'economia e la neurologia. A cofirmare l'iniziativa, oltre a Lord Rees, sono il professore di filosofia Huw Price, e il fondatore di Skype Jaan Tallinn. "Oggi esistono macchine che hanno stracciato le performance umane negli scacchi, nel volo, nella capacità di guidare, nello scambio dei prodotti finanziari e nel riconoscimento facciale nonché in quello vocale", dichiara alla stampa britannica il professor Price.

"La preoccupazione - prosegue - è che con la creazione di macchine dotate di intelligenza artificiale si rischi di affidare il controllo del pianeta a forme di intelligenza che sono indifferenti verso di noi e verso le cose a noi care". Uno scenario da incubo incarnato per l'appunto da film come Terminator o Matrix, dove il genere umano viene quasi spazzato via da macchine che vogliono farsi re.