Dagli Usa il robot insegnante che non fa scemare l’attenzioneDa una ricerca dell’università del Wisconsin nasce il robot tutor che riconosce se lo studente è distratto e mette in pratica i trucchi per far riacquistare l’attenzione. Una rivoluzione per il sistema della formazione a distanza

Fonte: Ustation.it
di Michele Spalletta

La tecnologia, ancora una volta, viene in aiuto della formazione. Ma non si tratta, questa volta, di un social network bensì di un robot che potrà aiutare gli studenti, soprattutto dei corsi online, a stare più attenti e a incamerare in minor tempo più informazioni.

L’invenzione è “made in Usa” e più precisamente è opera dei ricercatori dell’università del Wisconsin che hanno messo a punto un sistema robotico di tutoring intelligente in grado di riconoscere quando lo studente dall’altra parte dello schermo è distratto e di attuare le tecniche basilari per ripristinare il giusto grado di attenzione.

A differenza di quanto capita in aula, infatti, dove gli insegnanti si possono facilmente accorgere se gli studenti si distraggono e attraverso il tono della voce o l’uso dei gesti richiamare l’attenzione, durante i corsi online tutto ciò è impossibile realizzarlo. Almeno fino ad ora.

Il nuovo sistema di tutoring intelligente infatti, tramite un sensore che monitora il movimento e le dimensioni della pupilla, è in grado di “capire” quando l’alunno è distratto e, in questo caso, è capace di sfruttare una serie di tecniche per far riprendere l’attenzione, come appunto cambiare tono di voce o gesticolare.

Un sistema che, esperimenti alla mano, funziona davvero visto che i ragazzi che avevano ricevuto lezioni dal robot che usava gesti e cambi di tonalità ricordavano più informazioni rispetto ai colleghi senza il supporto del tutor.

Un’invenzione che certamente avrà un’incidenza significativa nel metodo di formazione a distanza ma che, purtroppo, dovrà attendere ancora un po’ a causa, soprattutto, degli alti costi di realizzazione.