ingressoPer superare la burocrazia, la fondazione accetta anche il bollettino dell’ultima tassa universitaria pagata

Fonte: Ilgiornaledirieti.it

Si chiuderà il prossimo 15 maggio il bando speciale promosso dalla Fondazione Varrone rivolto agli studenti universitari figli di cassaintegrati e disoccupati. «Vorrei sollecitare le famiglie reatine ad usufruire di questo fondo straordinario che la Fondazione Varrone ha deliberato per dare un sostegno a coloro che maggiormente stanno vivendo gli effetti di questa crisi economica - ha dichiarato il presidente della Fondazione Innocenzo de Sanctis -. Il legame con il territorio è importante per l’attività della Fondazione che si pone tra i suoi obiettivi quello di contribuire alla crescita e allo sviluppo della provincia reatina».

Sono 4 i requisiti richiesti allo studente per la concessione del contributo: - almeno un genitore disoccupato iscritto ai Centri per l’impiego; o in cassa integrazione per almeno sei mesi a decorrere dal 16 marzo di quest’anno; residenti a Rieti o provincia; frequenza, in corso, di una facoltà universitaria; attestazione Isee, con redditi 2008 – inferiore a € 25.000.

Per ovviare a problemi burocratici relativi ad eccessiva lentezza nel rilascio delle certificazioni da parte delle facoltà universitarie, la Fondazione ha deciso di accettare anche il semplice bollettino di pagamento dell’ultima tassa universitaria pagata. La domanda per la richiesta del contributo, scaricabile dal sito internet della Fondazione ( www.fondazionevarrone.it), o ritirata presso gli uffici della segreteria di Palazzo Potenziani, dovrà pervenire entro il 15 maggio