27 gennaio, il giorno della MemoriaCome ogni anno, a partire dal 2000, il 27 gennaio è un giorno speciale: è il Giorno della Memoria, riconosciuto dalla Repubblica Italiana, come il momento per commemorare la Shoah

Fonte: Italiamagazineonline.it
di Maria Rosaria De Simone

Fu proprio il 27 gennaio del 1945, il giorno in cui furono abbattuti i cancelli di Auschwitz e le truppe alleate si trovarono di fronte l’orrendo spettacolo dei deportati ebrei ridotti in fin di vita e in condizioni inimmaginabili. Ebrei contro cui, purtroppo, anche in Italia, si levarono le leggi razziali, le persecuzioni in vari paesi europei, la deportazione, la prigionia, la morte.  Assieme a loro, anche coloro che hanno cercato di opporsi all’ingiustizia che veniva perpetrata, che hanno cercato di difendere la libertà di ogni individuo, mettendo a repentaglio la loro vita stessa.

In tutta Italia, per non permettere che l’obbrobrio della Shoah, lo sterminio del popolo ebraico venga dimenticato, sono state organizzate varie iniziative. Anche la Capitale non mancherà di commemorare questo giorno e, a tal riguardo, la Provincia di Roma, assieme all’Associazione Romana Amici d’Israele ha curato una Mostra Itinerante dal titolo emblematico “Viaggio nella Memoria – Binario 21“. L’inaugurazione della mostra è avvenuta il 23 gennaio presso la Sala Egon Von Fustenberg a Palazzo Valentini, dove rimarrà aperta a tutti fino al 6 febbraio prossimo.

I visitatori si troveranno di fronte, in un percorso della memoria, 37 immagini fotografiche di cm 70×100, arricchite di didascalie, che fanno riferimento alla persecuzione antiebraica in Italia. Tali pannelli registrano una realtà drammatica, con la forza del linguaggio visivo che non lascia spazio ad altre interpretazioni se non a quella del documentare fino a che punto possa giungere la violenza umana. Le fotografie conducono l’occhio e l’animo del visitatore fino alla bassezze di cui è capace l’uomo verso i propri simili, lo portano di fronte a numerose testimonianze di ebrei deportati ad Auschwitz, il 30 gennaio 1944, sul binario 21. E’ proprio da lì, infatti, da quelle rotaie costruite sotto la Stazione Milano Centrale che partivano i convogli di ebrei rastrellati nelle città italiane, rinchiusi nel carcere di S. Vittore e poi portati nel campo di concentramento nazista in Polonia.

La mostra è un’occasione per condannare pubblicamente gli orrori del passato e toccare con mano la terribile realtà della Shoah, per trasmettere alle generazioni la ‘Memoria’ e per poter quindi riflettere insieme su quanto accaduto, perché mai più avvengano tali misfatti.

27 gennaio Giorno della Memoria. A Roma, un calendario fitto di appuntamenti

Un fitto calendario di appuntamenti, da quelli istituzionali a quelli più culturali, caratterizzerà la prossima settimana. Si tratta di eventi tutti all’insegna del ricordo della Shoà

Fonte: Romaebraica.it

I principali appuntamenti su Roma sono i seguenti:

Domenica 22 gennaio, ore 15 al Pitigliani (via Arco de Talomei 1) “Memorie di famiglia. I giovani tramandano le storie dei nonni”. Numerosi giovani leggeranno le memorie scritte in famiglia. Con la partecipazione di Frédéric Lachkar. Accompagnamento musicale di Emanuele Levi Mortera.

Lunedì 23 gennaio, ore 9.45 – 13.00, presso la Scuola Superiore dell’Amministrazione dell’Interno, Convegno di studi in ricordo della Shoah. Saluto del Direttore della Scuola, Prefetto Emilia Mazzuca. Interventi di Leone Elio Paserman, Presidente della Fondazione Museo della Shoah; Prof. Giovanni Maria Flick, Presidente emerito della Corte Costituzionale; Prof. Johannes Heil, Rettore della Hochschule für Jüdische studien di Heidelberg; Prof. Marcello Pezzetti, Direttore del Museo della Shoah.

Lunedì 23 gennaio, alle 20.30 presso il Museo Ebraico (ingresso da via del Tempio), presentazione del progetto e del documentario ‘Memorie in Comune’: storie di dipendenti comunali ebrei dalle leggi razziali alla Shoà. Interventi di Claudio Procaccia e Pupa Garribba.

Martedì 24 gennaio, alle 15.30, tavola rotonda su: ‘La Shoah e l’identità europea’. Sala polifunzionale della Presidenza del Consiglio, organizzata dal Governo con l’Ucei. Interverranno: il ministro Riccardi, il presidente dell’Ucei Gattegna, il presidente emerito della Corte Costituzionale ed ex ministro della Giustizia Giovanni Maria Flick, e lo storico Valerio Castronovo.

Martedì 24 gennaio, ore 16.00-17.30, Palazzo di Montecitorio Sala della Lupa, presentazione del progetto “Rete di docenti universitari per la Memoria della Shoah”. Saluto del Presidente della Camera On. Gianfranco Fini. Interventi di: Francesco Profumo, Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca; Luciano Violante; Marco Mancini; David Meghnagi; Paolo Coen.

Martedì 24 gennaio, ingresso consentito fino alle ore 20.15, presentazione – a cura del Benè Berith di Roma – del libro “Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo”, scritto dalla Prof.ssa Donatella Di Cesare, presso la Camera dei Deputati – Aula dei Gruppi parlamentari. Ingresso da Via di Campo Marzio, 78.

Saluto del Presidente della Camera On. Gianfranco Fini. Interventi di: Andrea Riccardi, Ministro per la Cooperazione Internazionale e l’integrazione; On. Angelino Alfano; Prof. Giovanni Maria Flick; Avv. Roberto De Vita; Prof.ssa Donatella Di Cesare; Paolo Mieli, presidente RCS; Riccardo Pacifici, Presidente Comunità Ebraica di Roma; Piero Terracina. Modera: Sandro Di Castro, Presidente del Benè Berith. Per gli uomini è obbligatorio indossare la giacca. E’ necessario accreditarsi inviando una mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Mercoledì 25 Gennaio – ore 18.30 presso la Libreria Arion Esposizioni, Via Milano, 15/17- Fabio Gaj presenta il libro di Lello Di Segni “Buon sogno sia lo mio. Aspetti patologici del Campo di Auschwitz-Birkenau”. Partecipano: Riccardo Di Segni – Rabbino Capo della Comunità Ebraica di Roma; Riccardo Pacifici – Presidente della Comunità Ebraica di Roma; Mario Falconi – Consigliere Ordine dei Medici di Roma; Bruno Piperno – Presidente Ospedale Israelitico di Roma. Coordina Marcello Pezzetti – Direttore Museo della Shoah.

Mercoledì 25 gennaio, dalle ore 18.30 presso la Ermanno Tedeschi Gallery – Via del Portico d’Ottavia 7 – inaugurazione della mostra personale di Pierflavio Gallina “I panni della memoria”, a cura di Giorgia Calò. La mostra rimarrà aperta fino al 9 marzo 2012.

Giovedì 26 gennaio – ore 16.00 – presentazione del libro della Prof.ssa Donatella Ester Di Cesare “Se Auschwitz è nulla. Contro il negazionismo”, presso l’Università La Sapienza, nella sede di Villa Mirafiori in Via Carlo Fea 2 (ingresso libero). A cura del Benè Berith di Roma.

Giovedì 26 gennaio, alle ore 20.30 al Tempio Maggiore i Testimoni della Memoria incontrano la Comunità ebraica di Roma e gli studenti delle scuole romane. Conduce Marcello Pezzetti. Saranno presenti: rav Riccardo Di Segni, il vice primo ministro d’Israele Silvan Shalom, rav Roberto Colombo, il presidente della Cer Riccardo Pacifici.

Giovedì 26 gennaio, “Il nazismo e le religioni. Ebrei e Cristiani ricordano insieme – La Shoah, l’Europa, la presenza di Dio – vittime, martiri e oppositori”. Tavole rotonde, teatro, filmati e concerti – da un’idea di Vittorio Pavoncello – orario 10.00-13.00 e 16-19 presso l’Istituto Centrale per i Beni Sonori e Audiovisivi in Via Michelangelo Caetani, 32 (Palazzo Mattei di Giove).

Giovedì 26 gennaio, presso il Salone Centrale del Complesso del Vittoriano, inaugurazione della mostra ”I ghetti nazisti”, promossa dal Comune di Roma in collaborazione con la Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, Resterà aperta al pubblico fino al 4 marzo 2012.

L’esposizione, curata da Marcello Pezzetti, direttore scientifico della Fondazione Museo della Shoah di Roma, Sara Berger e Bruno Vespa, intende ripercorrere la storia dei ghetti nazisti in Polonia, dal 1939 al 1944: la loro istituzione, la vita quotidiana al loro interno, la fame, le malattie, la violenza, il lavoro coatto, le deportazioni, la resistenza, le liquidazioni finali.

Venerdì 27 gennaio, al Quirinale la consegna da parte del Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano delle medaglie d’onore a 22 deportati e internati nei lager nazisti e con la premiazione dei vincitori del concorso per le scuole ‘I giovani incontrano la Shoah’, promosso dal ministero dell’Istruzione.

Lunedì 30 gennaio – ore 18.00 – Lia Levi e Furio Colombo presentano il libro di Nava Semel ‘E il topo rise’, traduzione di Olga Dalia Padoa. Casa delle Letterature, Piazza dell’Orologio 3.

Lunedì 30 gennaio, alle ore 20.30 presso il Teatro del Liceo Scientifico Morgagni (Via Fonteiana 125), spettacolo “la Danza della Memoria”. Spettacolo di danza liberamente ispirato a ‘Le città invisibili’ di Italo Calvino. A cura del Dipartimento per i Beni e le attività Culturali della C.E.R.