Giorgio NapolitanoI principi dell'autonomia universitaria sono ricordati dal Presidente della Repubblica nel messaggio di "vivo apprezzamento" in occasione del 20° anniversario della "Magna Charta delle Università europee".

Fonte: unimagazine.it

I principi dell'autonomia universitaria sono ricordati dal Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano nel messaggio di "vivo apprezzamento" per l'iniziativa dell'Università di Bologna e dell'Osservatorio Internazionale, volta a celebrare il 20° anniversario della "Magna Charta delle Università europee", sottoscritta a Bologna il 18 settembre 1988 da quattrocento rettori provenienti da tutto il mondo.

"Con quel documento, di cui l'Alma Mater Studiorum fu eletta custode, la comunità universitaria internazionale enunciava con forza il principio dell'autonomia del magistero accademico da ogni forma di condizionamento politico o ideologico -osserva il Capo dello Stato- Sottolineando l'inscindibilità dell'attività didattica da quella di ricerca e il fondamentale valore educativo del dialogo permanente, la 'Magna Charta Universitatum' ha ribadito l'imprescindibile ruolo delle istituzioni universitarie nella formazione intellettuale, civile e sociale delle giovani generazioni".

Da allora, rileva Napolitano, "il rifiuto dell'intolleranza e la trasmissione della cultura attraverso la ricerca e la libera discussione sono diventati, se possibile, valori ancora più basilari per la costruzione di società aperte e per la pacifica collaborazione tra culture ed esperienze diverse, in un mondo contrassegnato dall'irreversibile dimensione globale del sapere e delle conoscenze".

Daria Raiti