Attacco globale hacker agli Usa. I sospetti convergono sulla CinaL'offensiva hacker era cominciata almeno dal 2006 ed è stata battezzata Operazione Shady RAT

Fonte: Il Messaggero

La società di sicurezza informatica MacAfee ha reso noto d'aver scoperto la maggiore serie di attacchi informatici della storia, con violazione ai database di 72 soggetti, fra cui Onu, i governi di Usa, Canada, Corea del Sud, India, Vietnam e Taiwan, il Cio, società dei settori difesa e hi-tech. Gli attacchi vengono da un «soggetto statale» non identificato, che secondo esperti sarebbe la Cina. L'offensiva hacker era cominciata almeno dal 2006 ed è stata battezzata Operazione Shady RAT.

Secondo il rapporto McAfee, l'obiettivo delle intrusioni - che hanno colpito 72 obiettivi, 49 dei quali negli Stati Uniti - era acquisire dati riservati sul sistema militare americano, ma anche informazioni sulla comunicazione tramite satelliti e riguardo compagnie elettriche e impegnate nel settore del gas. Intrusioni che «non hanno precedenti nella storia», ha detto Dmitri Alperovitch, vice presidente di McAfee che non ha indicato i nomi delle compagnie private prese di mira. Pochi anche i commenti da parte delle istituzioni che risultano essere satte vittime degli hacker, addirittura dal Comitato Olimpico internazionale si dice che non si sapeva delle intrusioni, mentre un portavoce dell'Onu ha detto che i tecnici che hanno fatto un primo controllo non hanno visto prove di furto di informazioni. Nessun commento, invece, arriva dal dipartimento per l'Energia.