Insonnia da cuore infranto: la disciplina orientale aiuta«Perdere il partner quando si è innamorati provoca una tempesta di dopamina che induce pensieri ossessivi»

Fonte: Corriere della Sera

La fine di una storia d’amore può essere drammatica. «Per alcuni è una tragedia devastante, l’abbandono equivale a un lutto», dice Donatella Marazziti, docente di psichiatria all’Università di Pisa. «Perdere il partner quando si è ancora innamorati provoca una tempesta di dopamina che induce pensieri ossessivi e può portare all’ansia e all’insonnia. Il desiderio dell’altro è simile alla sete o alla voglia di droga da parte di un tossico. L’innamorato respinto può arrivare a contemplare il suicidio».

MAI DISPERARE - «Quando un amore finisce, si pensa che il dolore sia insopportabile e senza soluzione», continua Marazziti. «Non è così. La frenesia cerebrale, con il tempo, rallenta e l’equilibrio perduto viene ripristinato: in genere, ci vogliono due anni».

IL POTERE DELLO YOGA - Si può superare una delusione sentimentale grazie allo yoga, come racconta Andrea Osvart? Senz’altro la disciplina orientale aiuta a superare due dei sintomi del mal d’amore, come ansia e insonnia. Alcuni studi scientifici dimostrano che imparare le tecniche di respirazione serve molto a controllare i momenti di maggiore tensione. Dato che l’insonnia è spesso parente stretta dell’ansia, grazie allo yoga è possibile seguire percorsi di selezione dei pensieri per giungere a una fase di rilassamento che aiuti l’organismo a mettersi in stand-by e, di conseguenza, a raggiungere più facilmente il sonno. «Inoltre, tramite tecniche yogiche di allungamento e stiramento muscolo-articolare, è possibile regolarizzare il tono muscolare e favorire, anche in questo modo, il senso di rilassamento», spiega Fulvio Palombini, docente di fisioterapia all’Università La Sapienza di Roma. «Attenzione a una serie di movimenti yogici che tendono a eccitare il sistema nervoso. È opportuno evitare quel tipo di asana, come per esempio i piegamenti all’indietro in generale e gli esercizi di respirazione rapida».