Ti voglio tutta elettrica! Italiani in cerca di auto ad emissioni zeroIl 70% degli intervistati sarebbe disposto ad acquistarne una e solo l'8% si dichiara decisamente contrario. I potenziali acquirenti lo farebbero soprattutto per aiutare l'ambiente (62,8%), mentre il risparmio interessa solo il 17,6% del campione

Fonte: Rai News 24

L'auto elettrica piace a un italiano su tre, che la trova silenziosa, pulita e moderna, ma e' un veicolo ancora troppo costoso: e' il risultato di una ricerca su mille intervesitati condotta dal mensile 'Espansione' in collaborazione con 'Interactive' e presentata oggi al Piccolo teatro Paolo Grassi di Milano nel corso del convegno 'Una scossa alla citta': mobilita', energia e ambiente'.
Il 70% degli intervistati sarebbe disposto ad acquistarne una e solo l'8% si dichiara decisamente contrario. I potenziali acquirenti lo farebbero soprattutto per aiutare l'ambiente (62,8%), mentre il risparmio interessa solo il 17,6% del campione.
Solo un italiano su quattro userebbe l'auto elettrica per lunghi spostamenti; il 98% degli intervistati la vede come mezzo di locomozione ideale nelle citta'.
Circa 12 mila euro il costo che dovrebbe avere questo tipo di automobile, che secondo quasi la meta' del campione dovrebbe costare meno di una macchina alimentata tradizionalmente: solo un italiano su cinque sarebbe disposto a pagarla di piu'. La principale incertezza riguarda l'autonomia delle batterie e la carenza di infrastrutture per la ricarica (82,8%); velocita' e accelerazione lasciano nel dubbio il 73,5% degli intervistati.
La mattinata dedicata alla mobilita' sostenibile ha permesso ai milanesi di vedere e provare auto che entreranno in commercio nei prossimi mesi. Entusiasta il sindaco di Milano, Letizia Moratti, che si e' detta pronta a circolare in citta' con un'auto ecologica: "Si', usero' anch'io l'auto elettrica - ha spiegato a margine dell'evento - appena saranno pronte le colonnine in tutta la citta', perche' questa e' la mia esigenza da sindaco".
Il Comune di Milano ha gia' firmato un accordo con A2a, che ha presentato oggi la sua colonnina, e Renault: un accordo "aperto a tutte le altre case produttrici - ha ricordato Letizia Moratti - che prevede 200 punti di ricarica a Milano entro il 2010 e 60 veicoli elettrici per il 'car sharing'.
Sara' una fase sperimentale - ha precisato il sindaco - e poi entrera' in vigore la possibilita' concreta, e ci auguriamo a prezzi convenienti, di utilizzare i veicoli elettrici".
L'accordo, che riguarda Milano e Brescia, permette di percorrere l'intero tragitto tra le due citta' in auto elettrica, rendendo possibile "un nuovo sistema di mobilita' a basso impatto ambientale".