skinputMicrosoft e la Carnegie Mellon University stanno perfezionando un nuovo sistema che trasforma il corpo umano in un dispositivo di input simile ad un touch-screen

Fonte: BiT city
di Andrea Sala

Stiamo parlando di Skinput, il progetto realizzato da Microsoft in collaborazione con la Carnegie Mellon University. Si tratta di un rivoluzionario sistema di input che, in sostanza, trasforma il corpo umano in un dispositivo touch.

Come si può dedurre dal nome – Skin (pelle) e Input – la soluzione trasforma il proprio corpo in un'interfaccia per comandare ad esempio un Pc, una consolle o un videogame.

Skinput è stato creato da tre studiosi - Chris Harrison e Dan Morris della Carnegie Mellon University  e Desney Tan di Microsoft – attraverso la mappatura dei suoni prodotti dall'avambraccio, tenendo in conto ogni combinazione di muscoli, ossa e pelle. Utilizzando le basse frequenze prodotte dal suono e dei microproiettori,  i tre studiosi hanno trasformato in realtà quello che i più visionari scrittori sci-fi avevano solo immaginato.

Il funzionamento di Skinput è semplice: si proiettano dei tasti sull'avambraccio dell'utente, successivamente il tocco è captato da una fascia sensibile al suono che identifica il punto esatto sulla pelle dove è avvenuto il "clic". Il tutto poi viene tradotto nell'istruzione associata al tasto "virtuale" che l'utente ha premuto. I test su alcuni volontari hanno già dato buoni risultati: i collaboratori hanno infatti apprezzato il nuovo sistema, trovandolo semplice e intuitivo.

Skinput ora  si trova davanti a un enorme numero di applicazioni potenziali: potrebbe essere usato per giocare, con un Pc, con un lettore multimediale, con i cellulari e molto altro ancora. In più la natura stessa dell'interfaccia rende la soluzione perfetta per tutti coloro che trovano difficoltà ad approcciarsi con la tecnologia. Chi entra in crisi davanti a una comune tastiera probabilmente si troverà più a suo agio con i tasti sulla pelle: in questo modo tutti potrebbero beneficiare delle molteplici possibilità che oggi la tecnologia ci offre.