net depressionCattive notizie per gli irriducibili di internet

Fonte: Il Tempo

Secondo un maxi-studio dell'Università di Leeds (Gb), sono più inclini a mostrare sintomi depressivi. I ricercatori hanno evidenziato come alcuni cybernauti abbiano sviluppato un atteggiamento compulsivo nei confronti della Rete.

Per l'1,2% degli utenti Internet è come una droga. Lo studio ha monitorato 1.319 persone dai 16 ai 51 anni, indagando sull'utilizzo del web e su eventuali problemi di depressione.

«Internet oggi gioca un ruolo importante nella vita moderna - sottolinea Catriona Morrison, prima autrice della ricerca che sarà pubblicata su "Psychopathology" - ma i benefici sono accompagnati da un lato più oscuro. Se molti di noi usano Internet per pagare le bollette, fare shopping o spedire e-mail, c'è un piccolo gruppo di persone per cui è difficile controllare il tempo trascorso online che interferisce con le attività quotidiane».

I "drogati" di Internet passano più tempo a caccia di gratificazioni sessuali sui siti web a luci rosse, su quelli specializzati in gioco d'azzardo e chiacchierando in chat rispetto agli altri. E presentano anche una maggiore incidenza di depressione da moderata a severa, rispetto ai cybernauti che non sono caduti nella schiavitù della Rete.