profSpaccia per sua la tesi di un laureando

Fonte: La Stampa
di Grazia Longo

Lo studente che zoppica in creatività e procede al ritmo di copia-incolla, non è una novità. Ma quando a indossare i panni del copione è il professore - universitario per giunta - l’episodio non può che suscitare qualche stupore. Se di mezzo ci sono pure giudici e avvocati, la curiosità è ancora più alta. Come nel caso della condanna, passata in giudicato, di un docente a contratto alla facoltà di Economia dell’Università di Torino.

Il professor Gilberto Borzini, 54 anni, alessandrino, ha spacciato per sua, su un giornale online, una parte della tesi di laurea di uno studente. La sentenza, sia in primo grado, sia in appello e, pochi giorni fa in Cassazione, è sempre la stessa: colpevole. Colpevole di aver violato la legge sui diritti d’autore. Borzini dovrà risarcire con 20 mila euro l’ex studente - oggi libero professionista - oltre a pagare una multa di 10 mila. Originale, tanto da non avere quasi bibliografia in Italia, era la tesi di Roberto Francini, difeso dall’avvocato Davide De Bartolo. «Yield management», che tradotto in italiano significa più o meno «ottimizzazione dei ricavi nell’azienda albergo».

L’obiettivo era quello di spiegare i meccanismi del sistema di gestione delle capacità disponibili di un hotel, con scopo finale il potenziamento del volume di affari. Un tema molto trattato all’estero, poco nel nostro paese. I fatti risalgono al 2002. Quando il professor Borzini ha ascoltato la tesi del laureando ha evidentemente pensato che si trattava di un’occasione da sfruttare il più possibile. E così ha fatto. Si è procurato la tesi del ragazzo e ne ha trascritto, parola per parola, i primi due capitoli sul sito web «Job in tourism». Proprio su Internet è stato pizzicato da Roberto Francini. «Quando ho letto il frutto del mio lavoro a firma di un altro m’è salita una rabbia folle - racconta -. Con quel professore non avevo avuto mai niente da spartire prima del giorno in cui mi sono laureato e lui ha approfittato del mio impegno senza alcuno scrupolo. Lo Yield management in Italia è poco conosciuto e di conseguenza poco attuato. Oggi sono consulente proprio in questo campo, ma gli esperti in materia sono pochi. Uno è il professor Paolo Moreggio, relatore della mia tesi».

Preziosa la testimonianza di quest’ultimo durante il primo processo, condotto dal giudice Giuseppe Casalbore (ora impegnato nel maxi dibattimento Eternit). All’epoca l’imputato provò a difendersi, sostenendo che non conosceva il nome dell’autore. Ma il professor Moreggio replicò che era impossibile, perché il nome era scritto chiaro e tondo sulla tesi. Anche l’editore di Job in tourism prese le distanze dal collaboratore, si scusò online con i lettori e riportò le dichiarazioni di Francini. «La giustizia ci ha dato ragione - commenta l’avvocato De Bartolo -, sgombrando anche il campo da ogni equivoco sul tema dell’originalità, dell’ingegno, di una tesi di laurea che è stata infatti considerata frutto del pensiero personale, anche se svolto in forma riepilogativa o espositiva».