Nobel per la pace al premier etiope Abiy Ahmed Ali. «Mancato premio a Greta Thunberg? Non commentiamo»

Premio Nobel per la pace 2019 al premier etiope Abiy Ahmed Ali. Niente premio per Greta Thunberg, che era data per favorita per il suo impegno per l'ambiente. Il comitato ha deciso di assegnare il Nobel al premier etiope «per i suoi sforzi per raggiungere la pace e la cooperazione internazionale ed in particolare per i suoi sforzi decisivi per risolvere il conflitto di confine con la vicina Eritrea».

Fonte: Ilmessaggero.it

Chi è Abiy Ahmed Ali: il premier etiope che ha fatto pace con l'Eritrea

Nella motivazione si sottolinea come «il premio Nobel per la Pace vuole anche riconoscere tutti gli altri che stanno lavorando per la pace e la riconciliazione in Etiopia e nelle regioni dell'Est e del nord Est dell'Africa». In particolare viene ricordata la «stretta collaborazione con il presidente dell'Eritrea Isaias Afwerki», che ha permesso a Abiy Ahmed di «fissare velocemente i principi di un accordo di pace per mettere fine al lungo stallo di 'no pace no guerrà tra Etiopia ed Eritrea». «Anche se molto lavoro rimane da fare in Etiopia - prosegue - il premier ha avviato importanti riforme che danno a molti cittadini speranza per una vita migliore ed un futuro più radioso. Come primo ministro, Abiy Ahmed ha cercato di promuovere riconciliazione, solidarietà e giustizia sociale».

Il mancato premio a Greta: «Nessun commento»
Nel giorno in cui annunciamo il Premio, noi non facciamo mai commenti su chi non lo ha ricevuto e chi avrebbe dovuto riceverlo». Così Berit Reiss-Andersen, presidente del comitato del Nobel di Oslo, ha risposto ad un giornalista che le chiedeva di dire qualcosa ai sostenitori di Greta Thunberg, da più parti considerata la favorita per il premio per la pace 2020. «Dunque non ho nessun commento da fare a riguardo», ha aggiunto Reiss-Anderson.

Il premier che ha fatto pace con l'Eritrea
Da molti considerato una speranza per l'Africa, il primo ministro dell'Etiopia Abiy Ahmed ha dimostrato il suo coraggio politico con l'accordo di pace con l'Eritrea, una delle prime iniziative del suo governo, insediatosi nel 2018. Combattuto fra il 1998 e il 2000, il conflitto fra i due paesi confinanti non si era poi formalmente concluso, creando forte tensione fra i due paesi confinanti. Ahmed ha scelto di accettare il verdetto dell'arbitrato internazionale del 2002 che assegnava all'Asmara il territorio conteso di Badme, aprendo la strada alla firma di un accordo di pace nell'estate 2018. L'abbraccio con il presidente eritreo Isais Afewerki e le visite reciproche nelle due capitali, la ripresa dei rapporti diplomatici e dei voli aerei fra Addis Abeba e l'Asmara hanno sollevato grandi entusiasmi, anche se la dittatura in Eritrea ha poi richiuso i confini, lasciando a metà il processo.