Milano, donne all’università: il primo dossier sblocca-carriere professoriNon fanno carriera ma sono maggioranza in aula. Il caso delle donne negli atenei. Pronte le prime misure ad hoc

Fonte: Corriere della Sera
di Elisabetta Andreis e Federica Cavadini

Il Politecnico presenta un programma di aiuti per studentesse e dottorande, la Bocconi lancia un piano per le carriere delle docenti e l’università Bicocca inaugura una scuola dell’infanzia interna. Le università milanesi ripartono dalle donne. Sono la maggioranza fra le studentesse in più atenei e la quota rosa cresce fra i docenti. Restano però velocità diverse: fra professori ordinari e associati le donne sono ancora in minoranza.

GUARDA IL GRAFICO | LE STATISTICHE: DONNE IN ATENEO

È così alla Statale come alla Iulm: se fra i ricercatori sono una su due fra i docenti la percentuale scende, intorno al 37 per cento. Ha numeri diversi soltanto il Politecnico dove la presenza femminile è bassa anche fra le studentesse come fra i ricercatori, e tra i professori poi si ferma appena al 28 per cento. «Sulle carriere accademiche vincono ancora i maschi e non è una questione di merito. Servono interventi mirati perché salga il numero delle docenti anche sulle posizioni “alte”», dice Antonella Sciarrone, prorettore alla Cattolica. E spiega: «In caso di gravidanza o parto recente si dovrebbero prevedere proroghe per la presentazione di progetti di ricerca. In altri Paesi europei questi aiuti ci sono». Alla Bocconi il nuovo piano sulle carriere accademiche è stato presentato dal rettore Gianmario Verona «per ridurre gli effetti del cosiddetto soffitto di vetro»: per chi ha rallentato a causa dei carichi familiari, siano bimbi piccoli o genitori anziani, sei mesi di sabbatico retribuito da dedicare alla ricerca e un finanziamento al progetto da 5 mila euro. «Tutte le università dovrebbero fare pressione sul governo — è l’appello di Sciarrone — altrimenti il rischio è che queste iniziative siano esclusiva degli atenei “ricchi”». Dalle ricercatrici del Politecnico arriva anche un’altra richiesta: «Più telelavoro e lavoro agile, favorirebbero pari opportunità», dice Fiammetta Costa, impegnata al dipartimento di Design. E anche lei sottolinea: «Serve una svolta. Nel nostro ateneo fra i professori ordinari le donne sono appena due su dieci».

Intanto l’annuncio di nuovi servizi e iniziative a sostegno delle universitarie arriva da più atenei milanesi (che ai vertici adesso contano una donna rettore, Cristina Messa alla Bicocca e anche, da poche settimane, due direttori generali: Loredana Luzzi e Raffaella Quadri, a Bicocca e Iulm). C’è la Statale che offre contributi per la retta dell’asilo e per i campus estivi e prevede anche l’iscrizione a tempo parziale per le studentesse con figli fino a 5 anni o per le future mamme. L’università Bicocca che già nel 2005 aveva aperto l’asilo nido da quest’anno ha una scuola dell’infanzia e alle lavoratrici propone anche il telelavoro. E se la Bocconi ha pensato alle carriere delle docenti all’università del San Raffaele sono stati attivati due corsi di studi sulle tematiche legate alle differenze (Gender studies e Medicina di genere, che studia l’efficacia delle terapie a seconda del genere).

Il Politecnico ha un micronido al campus Leonardo e un altro è aperto alla Bovisa. «L’ateneo poi ha appena deciso una misura a favore delle dottorande: anche in maternità riceveranno l’assegno di ricerca, che prima veniva sospeso. E si punta a riequilibrare la presenza delle donne fra i professori di prima fascia», spiega la docente Valeria Bucchetti. Poi c’è il nuovo servizio di mentoring riservato alle iscritte di Ingegneria: «Perché le ragazze sono poche, pesa ancora il divario sulle materie Stem (Scienze, tecnologia, ingegneria e matematica), si devono superare gli stereotipi di genere», aggiunge Bucchetti che al Politecnico è anche referente dell’ateneo nel Centro di ricerca interuniversitario sulle culture di genere, cui hanno aderito sei atenei milanesi. «Il Centro promuove studi e cerca di identificare quali sono gli strumenti più efficaci per sostenere le donne nella carriera accademica — dice Maria Tilde Bettetini, delegata per le Pari opportunità alla Iulm —. È una struttura unica in Italia e da un anno è operativa». Studi, incentivi, servizi per facilitare la conciliazione fra lavoro e famiglia. Nelle università questi intanto sono impegni presi.