earth careLa classifica, realizzata ormai da alcuni anni dall'Aspen Institute, dal titolo "Beyond grey pinstripes" (sotto il gessato grigio), valuta l'impegno delle business school a formare i futuri leader alla responsabilità d'impresa, alla sostenibilità, ai temi etici e della difesa del pianeta

Fonte: Il Sole 24 Ore
di Loredana Oliva

Nell'edizione 2009- 2010 il ranking dei 100 Greenest Mba vede Stanford Graduate school of Business, perdere la prima posizione, che aveva stabilmente negli ultimi tre anni, e avanzare al top una scuola molto meno conosciuta, ma che rappresenta un Paese, il Canada, che ha fatto dei temi ambientali una priorità della politica e dell'economia.
Per il primo anno, Qs del Global Mba Tour, editore di top Mba, che pubblica un ranking ben diverso, delle università migliori al mondo con il Times Higher Education, diventa partner di Aspen Institute, una collaborazione che segna una tendenza, la sensibilità di molti studenti nella scelta di un master in business administration che sia coerente con le esigenze di una nuova economia, e di un cambiamento che non si può più rimandare.
Nelle prime dieci posizioni, spiccano le business school americane come Ross dell'Università del Michigan, Yale, Stanford, Berkeley, Stern (New York University), Columbia, e due europee RSM Erasmus (Rotterdam) e Istituto d'Empresa di Madrid.
Tra le 100 business school classificate dopo la 20esima posizione altre europee, come Nottingham University (23°), quinta in tutto il mondo per la ricerca scientifica, le francesi Insead, Hec e Audencia, poi Iese ed Esade (Spagna), Copenhagen Business School, Vlerick Leuven Gent Management School (Belgio), Jyväskylä School of Business (Finlandia), Hec Ginevra e le inglesi Glasgow Business School, Cranfield e, Bath School of Management, Ashridge e London Business School, in coda al ranking.
Quest'anno sono in classifica 75 programmi mba degli Stati Uniti, 18 europei, due asiatici, due dell'America Latina, due australiani e uno del Sud Africa. Nessun Mba italiano.
Rich Leimsider, Direttore di Center for Business Education di Aspen Institute, ribadisce l'attualità di una ricerca di questo genere, proprio mentre " non solo gli studenti, ma tutta l'opinione pubblica si sta interrogando sul fallimento dei modelli di business tradizionali". "Le scuole di Beyond Grey Pinstripes – continua Leimsider - stanno portando avanti un nuovo approccio, preparano gli studenti ad avere una visione più olistica del successo nel business, quella che misurerà i risultati finanziari, tenendo conto del loro impatto sociale e ambientale".
I criteri presi in considerazione dagli analisti di Aspen Istitute per realizzare questa classifica biennale, sono:
-La valutazione di corsi che abbiano una rilevanza per il loro contenuto sociale, ambientale o etico. Si tratta di un conteggio puntuale e verificato dei vari corsi offerti agli studenti Mba.
-Il coinvolgimento degli studenti, che misura le ore d'insegnamento e il numero di studenti iscritti a questi corsi, analizzando che tipi di materie sono insegnate, se si tratta di corsi brevi o più lunghi, obbligatori o facoltativi, che diano o meno crediti per la valutazione finale.
-I corsi rilevanti ai fini del profit impact, quei corsi che affrontano le problematiche di mercato più attuali e che incrociano i temi sociali e ambientali relativi alla business education. Per esempio l'approfondimento dell'Etica in un corso di Finanza.
- Faculty Research, il numero di articoli realizzati dalla faculty sugli argomenti sociali, ambientale ed etici, pubblicati nelle riviste internazionali specializzate nel Business.

Greenest Mba in Business di Aspen Istitute-I primi 20 nel ranking Beyond Grey Pinstripes