windows liveHotmail, la webmail nata nel lontano 1995 e poi acquisita da Microsoft, non è mai stata così calda. Migliaia di utenze della posta elettronica - user id e password, dunque - sono state violate e pubblicate online

Fonte: Corriere della Sera
di Federico Cella

La notizia che fa tremare i polsi ai tantissimi utenti del popolare servizio di Msn - il più diffuso al mondo con oltre 400 milioni di account attivi - è stata inizialmente lanciata dal sito NeoWin e quindi ripresa dalla Bbc che ha avuto la conferma direttamente da Microsoft. Che ha annunciato come i propri esperti stiano «esaminando la situazione per intervenire al più presto».

Secondo gli americani del blog Neowin, gli account violati sono stati più di 10mila: le informazioni, forse raccolte tramite phishing, sarebbero state pubblicate il primo ottobre sul sito per sviluppatori Pastebin. Ora sono stati rimossi ma i responsabili di Neowin hanno ammesso di aver visionato parte della lista, con nomi che andavano dalla "A" alla "B" lasciando supporre possibili pubblicazioni successive: "Possiamo dunque confermare che si tratta di caselle reali, tutte terminanti con "hotmail.com", "msn.com" e "live.com", e che la maggior parte di queste sembrano appartenere a utenti europei". La paura arriva dunque anche a casa nostra, dove le caselle Hotmail attive sono oltre 11 milioni.

Microsoft Italia, da noi contattata, getta acqua sul fuoco per la situazione degli account italiani, spiegando che "abbiamo attivato già da qualche ora il nostro servizio clienti, ma la situazione finora appare tranquilla". Per tutti i possessori di una webmail di Microsoft, in ogni caso, il consiglio che viene dalla Rete (e dal buonsenso) è di cambiare la password.