ignobelSono stati assegnati dalla rivista 'Annals of Improbable Research' per le ricerche più assurde

Fonte: Adnkronos

Non c'è limite alla fantasia degli scienziati. Specie quelli da record, che si sono aggiudicati l'ultima edizione dei premi IgNobel, i riconoscimenti assegnati dalla rivista 'Annals of Improbable Research' agli studiosi che hanno pubblicato le ricerche più assurde o bizzarre nel corso dell'anno. Ad aggiudicarsi i premi dell'edizione 2009, assegnati all'Harvard's Sanders Theater dell'ateneo di Harvard (Usa), un gruppo eterogeneo di ricercatori. Fra questi spicca Elena Bodnar di Chicago, che ha vinto l'IgNobel per la salute pubblica grazie a un reggiseno fucsia che, all'occorrenza, si trasforma in una elegante ed efficace maschera anti-gas per due.

Per la medicina, invece, il premio è andato al californiano Donald Unger di Thousand Oaks: lo studioso ha dimostrato che far scrocchiare le dita delle mani non provoca l'artrite, il tutto scrocchiando diligentemente le dita della mano sinistra ogni giorno per 60 anni, senza toccare la destra. In veterinaria, invece, è risultata vincente la dimostrazione - di un team dell'Università di Newcastle (GB) - che le mucche che hanno un nome fanno più latte delle altre. Catherine Douglas, uno degli autori, ha confessato alla Bbc online di essere "una grande fan degli IgNobel", dedicando il premio a Purslane, Wendy e Tina, "le mucche più carine che abbia mai conosciuto". Un gruppo di antropologi di tre atenei americani ha vinto il premio per la fisica fornendo la spiegazione scientifica del perché le donne incinte non cadono in avanti, e un gruppo di ricercatori messicani ha creato diamanti utilizzando la tequila.

Ricercatori dell'Università di Sagamihara, in Giappone, si sono aggiudicati l'IgNobel per la biologia, dimostrando che i rifiuti della cucina possono essere ridotti di oltre il 90% usando batteri contenuti nelle feci del panda gigante.A vincere non sono stati solo gli scienziati: singolare anche il premio per l'Economia, andato ai vertici di quattro banche islandesi, capaci di dimostrare 'dal vivo' che piccole banche possono rapidamente diventare grandi e viceversa.

Al governatore della Reserve Bank dello Zimbabwe, Gideon Gono, è andato invece il premio per la matematica: per far prendere alla popolazione confidenza con i numeri, Gono ha fatto stampare banconote da 1 centesimo fino a 100 trilioni di dollari del Paese. Inoltre la polizia irlandese si è aggiudicata il premio per la letteratura, dopo aver multato per oltre 50 volte l'automobilista più indisciplinato del Paese, Prawo Jazdy, che in polacco vuol dire patente di guida. E un gruppo di scienziati svizzeri dell'Università di Berna ha vinto l'IgNobel per la pace, dopo aver scoperto che è più pericoloso essere colpiti in testa da una bottiglia di birra vuota, piuttosto che da una piena.