locIII edizione per la Festa dei Giovani: si comincia sabato 18, alle 18.30 a piazza della Libertà con il Black Out che continuerà fino a sera. Cinque i giovani gruppi locali che animeranno la manifestazione: Officina musicale, Paragon frame, Motherfunkers, Shakes e Thirdhashashin

Fonte: Il Giornale di Rieti

Il Centro comunale Giovani “Macondo” , a chiusura di un anno di attività, apre le porte alla III edizione della Festa dei Giovani che rispetto agli anni precedenti cambia location, non più via dei Bretoni ma piazza della Libertà a Passo Corese. Varia e ricca la programmazione nei due giorni di festa: si inizia sabato 18, alle 18.30, con il Black Out che continuerà fino a sera.

Cinque i giovani gruppi, locali e non, che si alterneranno nei loro generi ed espressioni grazie all’eclettica direzione artistica di Marco Mari: Officina musicale, Paragon frame, Motherfunkers, Shakes e Thirdhashashin. Domenica 19, apre la festa Live Expo, un intervento di riqualificazione urbana attraverso l’arte dei graffiti, per mostrare il corretto e artistico utilizzo degli stessi mezzi che troppo spesso deviano il significato della parola graffiti.

Federico D’Artibale, organizzatore dell’evento, ha accettato l’invito dell’assessore Daniela Simonetti e con la collaborazione di writers professionisti darà vita ad un museo “urbano”. Alle 21 ci sarà la proiezione del corto “Boule de neje” diretto da Marco Mari che concorre alla prima edizione di “A corto di lavoro”, concorso per filmati e cortometraggi promosso dalla Uil di Roma e del Lazio e dalla Uil Cpo di Roma e del Lazio.

Quando la sirena suonerà, e non accadrà una sola volta, cinque strani personaggi, provenienti da chissà dove, si presenteranno agli spettatori con le loro valige, i loro tic e il loro modo di comunicare. C’è quindi tutto l’occorrente per passare due piacevoli serate dove sarà possibile anche partecipare al torneo di calcio balilla e cenare.