Musica ed emozioni forti allo Youthless ClubDoppio live con gli Edible Woman ed Hiroshima Rocks Around

Fonte: Ilgiornaledirieti.it

Sabato 19 Maggio una serata sotto il segno del rumore allo Youthless Club, grazie al concerto di Edible Woman ed Hiroshima Rocks Around. A seguire dj set come sempre a cura dell’indiscusso re dei dancefloor balcani Curvo.

La band Edible Woman nasce nel 1999 a Fano (rubando il nome dal titolo di un romanzo della scrittrice canadese Margaret Atwood) come classico power trio strumentale influenzato dal noise chitarristico della scuola di Chicago, ma l’aggiunta in line up della voce di Luca Giommi sposta la produzione su strutture hardcore e muove la band alla scoperta del post punk più corrotto.

Con queste nuove direttrici e con un furore che solo la provincia può infondere, gli Edible Woman si lanciano in una lunga serie di concerti, che contribuiscono alla definizione dello stile del gruppo la cui evoluzione viene congelata nel loro album d’esordio Spare me /CALF, uscito nel 2004 per Psychotica Records. Questo album fonde un approccio “math” monolitico con melodie cristalline e il risultato è uno strano incrocio tra Jesus Lizard, Shellac e Neil Young. La band ottiene ottime recensioni e parte in tour in Italia ed in Europa, condividendo il palco con band come El Guapo, Karate, The Thermals.

Tre anni più tardi, da una costante ricerca creativa e dall’introduzione dei sintetizzatori nella scrittura dei nuovi brani, non a sostituire la chitarra, ma alla ricerca di una nuova e più personale poetica musicale, arriva The Scum Album, uscito sempre per Psychotica Records. Questo lavoro suona come un bizzarro e maturo amalgama di hardcore e tecnologia che si concretizza in un suono ancora fortemente abrasivo, ma mitigato da un approccio quasi pop al songwriting. Dopo numerosi concerti in Italia e all’estero all’inizio del 2009 gli Edible Woman si chiudono di nuovo in studio per dare vita al loro disco ad oggi più ambizioso: Everywhere at Once.

Gli HRA - Hiroshima Rocks Around - sono un combo che fonde blues sporco con rock'n'roll e punk: il tutto tenuto insieme da un'attitudine noise e "avant" rock. Un trio con chitarra, batteria, sax, elettroniche e voci. Sono passati dieci anni dal primo album Isolation Bus Blues (su Vurt Recz). Nel frattempo hanno licenziato HRA666, vinile in 666 copie con Luca T.

Mai degli ZU che ha gentilmente prestato il suo sax, uno split con i Fuzz Orchestra, alcune uscite per la loro no="FI" Recordings e altre oltreoceano (per le californiane S-S Records e Kill Shaman). Parte della cosiddetta Borgata Boredom: gli HRA sono tra i gruppi più attivi scena di Roma Est, con più di 250 concerti negli ultimi 5 anni (dividendo il palco e andando in giro con band del calibro di U.S. Maple, Ruins, Old Time Relijun, Neptune, Aids Wolf, OvO e Movie Star Junkies ).

Sabato 19 Maggio, ore 21,30 con ingresso a sottoscrizione libera riservato ai soci.

Per saperne di più: http://www.youthlessclub.it/