Dall’11 maggio il Festival delle Scienze 2017 all'AuditoriumRoma, all’Auditorium, dall’11 al 14 maggio, la dodicesima edizione del “Festival delle Scienze”, che da quest’anno si arricchisce della partnership con National Geographic, con decine di appuntamenti, incontri, spettacoli, con “il cambiamento” come tema chiave

Fonte: Researchitaly.it

Come ci ha spiegato Darwin, è la specie più pronta e disposta a cambiare quella che ha più probabilità di sopravvivere alla selezione naturale, adattandosi alle rinnovate condizioni dell'ambiente. Oggi invece la parola cambiamento assume troppo spesso il significato di crisi, che si parli dei cambiamenti climatici che minacciano la salute del nostro pianeta o dell’impatto sull’economia e sul mondo del lavoro della rivoluzione digitale e della globalizzazione.

La grande ricerca scientifica italiana e internazionale sarà protagonista del Festival, con un programma denso di conferenze, dialoghi e incontri, con l’obiettivo di indagare sul ruolo della scienza nei confronti del cambiamento, che oggi troppo spesso assume significati negativi: quali possono essere le risposte a temi cruciali come il riscaldamento globale e la ricerca di nuove forme d'energia, lo sviluppo delle città e il futuro della tecnologia a basso costo, il valzer tra crescita e decrescita demografica?

Cinque i percorsi in cui sono suddivisi gli appuntamenti: Changing Future, sul clima e sul nostro futuro, Global Change, sulla globalizzazione, Next Tech, sull'innovazione nella medicina, nella tecnologia, nella riflessione filosofica, Our Evolution, sui grandi sistemi: dalle metropoli all'universo, Changing Economy, sulle sfide economiche e la lotta contro la povertà. Affronteranno questi temi scienziati, filosofi, giornalisti, musicisti, attori e personaggi del mondo dello spettacolo.

Dopo l’apertura del Festival con l’anteprima di Genius, la serie su Albert Einstein coprodotta e diretta dal premio Oscar Ron Howard, tra i tanti eventi si segnalano le lectio magistralis di Chloé Cipolletta, primatologa, esperta del comportamento degli scimpanzé e direttrice del National Geographic East Africa Fund, e di Federico Fanti, paleontologo bolognese, che racconterà come i dinosauri hanno affrontato i cambiamenti climatici prima di noi.

Dedicata a Patti Smith la chiusura della manifestazione, con Marco Cattaneo, direttore di National Geographic Italia e Le Scienze, che la intervisterà a proposito del suo impegno politico, che di recente l'ha portata a prendere posizioni nette a sostegno della ricerca scientifica e della lotta ai cambiamenti climatici.

Durante il Festival, nel foyer dell’Auditorium sarà allestita fino al 21 maggio la mostra “Pianeta fragile”, una raccolta di scatti di alcuni tra i più grandi maestri dell’obiettivo che mettono in luce la bellezza della Terra, ma anche le ferite che il degrado umano e ambientale le ha inferto.

National Geographic Festival delle Scienze è prodotto dalla Fondazione Musica per Roma in collaborazione con Codice Edizioni e il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, in partnership con National Geographic, Agenzia Spaziale Italiana e Istituto Nazionale di Fisica Nucleare e in collaborazione con l’Istituto Nazionale di Astrofisica e Sapienza Università di Roma con il sostegno di Enel e Nissan. Per il programma completo si consiglia di visitare visitate il sito dell’Auditorium.