Test Professioni Sanitarie 2019: a che ora inizia, cosa portare e durata

Professioni Sanitarie 2019, tutte le info utili sul test: scopri l’orario e durata della prova, cosa portare e oggetti vietati in aula.

Fonte: Scuolazoo.com
di Chiara Greco

Test ammissione Professioni Sanitarie 2019: tutto quello che devi sapere su orario, durata e cosa portare

La staffetta dei test d’ingresso a numero chiuso continua con Professioni Sanitarie 2019: l’11 settembre tutti i candidati si presenteranno nelle loro sedi per sostenere la prova, rispondendo alle domande del test. A differenza di Medicina e Veterinaria, che hanno un test unico nazionale, per Professioni Sanitarie i contenuti del test saranno diversi da ateneo ad ateneo. Il bando del Miur però regolamenta l’orario di inizio della prova e la durata, che dovranno essere uguali per tutti. Scopri insieme a noi di ScuolaZoo a che ora inizia la prova, quanto durerà e cosa portare.

Non perdere:

Orario Test Professioni Sanitarie: quando inizia la prova?

Il test di Professioni Sanitarie 2019 funziona, a grandi linee, come quelli di Medicina e Veterinaria: l’orario ufficiale d’inizio della prova è alle 11:00 in punto, ma tutti gli studenti sono tenuti a presentarsi in ateneo già dalle 8:00 del mattino per permettere ai commissari di completare tutte le procedure preliminari alla prova (controllo dei documenti, suddivisione dei candidati tra le diverse aule, somministrazione dei plichi e comunicazione delle informazioni di servizio).

Professioni Sanitarie 2019: quanto dura il test?

Anche la durata del test di Professioni Sanitarie è regolamentata dal Miur: nel bando è indicato che la prova durerà 100 minuti, così come gli altri test d’ingresso nazionali a numero chiuso. È consigliato ai candidati di tenere d’occhio il tempo, perché un’ora e 40 minuti potrebbe sembrare un’infinità di tempo ma, quando si è sotto pressione, non ci si rende conto delle lancette che corrono all’impazzata.

Cosa portare al test di Professioni Sanitarie 2019? Cosa è vietato e cosa è concesso

Come ogni test a numero chiuso, le regole vanno rispettate e ci sono degli oggetti che non possono essere portati in sede d’esame. Ecco tutto quello che dovete avere con voi il giorno della prova:

  • Documento d’identità. Prima della prova verrete identificati ed è obbligatorio presentare un documento valido, un passaporto o la carta d’identità. La patente di guida spesso non viene considerata un documento d’identità, quindi vi sconsigliamo di portarla
  • Ricevuta d’iscrizione al test. Vi raccomandiamo di metterla già da parte e non dimenticarla perché senza potreste essere esclusi dal test.
  • Ricevuta di pagamento. È il documento che attesta il pagamento della quota di partecipazione al test.
  • Penna. Solitamente vengono consegnate dalla commissione, ma è bene averne qualcuna di riserva nel vostro zaino. Lasciate stare le matite, perché qualsiasi segno fatto con la matita non verrà considerato valido durante la correzione.
  • Acqua. Necessaria a donarvi vigore nei momenti in cui vi sentite più sotto stress, ricordate di chiedere di poter bere ogni volta onde evitare problemi con qualche commissario.
  • Snack. Non è detto che vi consentano di mangiare in classe durante il test, ma è bene avere una ricarica nel vostro zaino così da poter riprendere zuccheri quando uscite dall’aula o poco prima di entrare.

Ci sono poi delle cose non concesse con alcuna riserva. Ecco tutti i divieti:

  • telefono cellulare;
  • smartwatch;
  • tablet;
  • dispositivi elettronici con connessione internet o wi-fi;
  • manuali;
  • appunti;
  • bigliettini.

(Credits immagini: Pixabay)