Università: quale facoltà scegliere? Consigli

Ora che la maturità è passata per quelli che non hanno ancora deciso è arrivato il momento: quale facoltà scegliere? Vediamo una serie di utili consigli.

Fonte: Sololibri.net
di Ilaria Roncone

Come si sceglie la facoltà giusta? Sono molti gli studenti che, terminata la maturità, se non hanno già scelto se proseguire gli studi o meno o quale facoltà frequentare, cominciano a farsi questa domanda. La prima questione che occorre porsi e alla quale bisogna dare una risposta con la massima sincerità è: desidero continuare a studiare? Per avere le idee più chiare basta cominciare a dare uno sguardo al mercato del lavoro: c’è disponibilità in questo periodo? Per quali figure professionali specializzate a che livello? C’è qualcosa che mi piacerebbe fare che potrei tentare con il mio attuale titolo di studi?
Se, una volta fatte le dovute riflessioni sul mondo del lavoro, la scelta fosse quella di proseguire per l’università, allora sarà quello il momento di scegliere la facoltà. I criteri in base ai quali decidere sono molti,ma due spiccano su tutti: i propri gusti e le proprie attitudine e la spendibilità del titolo di studi che si sceglie per ottenere un buon posto lavorativo in futuro. Vediamo allora una serie di consigli utili per capire quale facoltà scegliere nel vastissimo panorama di possibilità che offre l’ambiente universitario.

Come scegliere la facoltà? Consigli utili

Vediamo ora una serie di consigli pratici per capire quale sia la scelta giusta in termini di facoltà. Quali domande è bene porsi e cosa non bisogna trascurare prendendo una decisione che sicuramente andrà a influenzare il resto della nostra vita?
Le questioni a cui rispondere sono molte: quali sono i miei sogni e le mie ambizioni? Che preparazione ho ottenuto dalla scuola superiore? A quale tipo di lavoro potrò aspirare dopo? Quale mole di lavoro sono pronto a sobbarcarmi all’università?

  • Definisci i tuoi obiettivi: è importante essere sinceri e chiari con se stessi chiarendo a cosa si aspira. Ci sono persone che sanno sin da piccoli cosa vorrebbero fare, altri che lo capiscono nel corso dell’adolescenza e altri ancora che, nel momento di prendere questa decisione, ancora non lo sanno. Rifletti su quali sono i tuoi interessi e le tue inclinazioni, prendendo in considerazione anche la tua preparazione.
  • Fai i test di orientamento: in rete ci sono moltissimi test di orientamento utili per inquadrare in una determinata facoltà i tuoi desideri, le tue inclinazioni e le tue capacità. Il risultato è da considerarsi, ovviamente, puramente indicativo ma sicuramente, per chi brancola nel buio, può essere un buon punti di partenza per capire almeno quali sono le facoltà meno adatte.
  • Seleziona le facoltà più interessanti: guardando in rete i siti delle varie università e i programmi di studio, ovvero le materie e gli esami, fai una selezione delle facoltà più interessanti. Una volta individuata la tua rosa potrai analizzare sia i pro che i contro di ognuna di essere e, in base a quest’analisi, scremare ulteriormente e arrivare a una scelta finale.
  • Partecipa agli Open Day: tutte le facoltà organizzano degli Open Day, giornate di orientamento universitario in cui alle future matricole viene data la possibilità di toccare con mano l’esperienza in quell’università. Spesso è possibile anche prendere degli appuntamenti individuali con dei tutor che ti guideranno alla scelta più giusta per te basandosi su inclinazioni e capacità.
  • Analizza il piano di studi: delle facoltà più interessanti analizza il piano di studi per capire se davvero approfondire determinate materie possa essere nelle tue corde e anche se la tua preparazione sia sufficiente per non avere difficoltà in corso d’opera. Non c’è comunque da preoccuparsi perché, spesso e volentieri, il primo anno di università si parte dalle basi e quindi anche chi arriva da studi diversi non dovrebbe avere particolari difficoltà.
  • Controlla anche il dopo: in quale direzioni potrai andare una volta terminati gli studi? Abbi cura di tenere in considerazione sia il lavoro che i percorsi di studio specialistici, così da arrivare con le idee ben chiare anche su cosa succederà dopo scegliendo quella determinata facoltà.
  • Pensa anche ai servizi universitari: spesso e volentieri, quando la facoltà è stata scelta, ciò che può fare la differenza sono i servizi offerti dai diversi atenei. Abbi cura di informarti rispetto alla mensa, le condizioni del campus universitario, gli alloggi, le borse di studio, i laboratori, gli spazi per studiare. Tutto questo sarà fondamentale per rendere la tua vita più semplice nel corso dei prossimi anni. Tieni in considerazione anche, inoltre, le possibilità relative tirocini e scambi internazionali, esperienze fondamentali e che vanno ad arricchire ulteriormente il curriculum in previsione del lavoro futuro.
  • Raccogliere tutte le informazioni pratiche: per decidere quale facoltà scegliere può essere fondamentale anche, a questo punto, considerare quali hanno un test d’ingresso e quali no e anche rispetto alla tipologia, ovvero selettivo o non selettivo. Per una questione di tempistiche alcune università potrebbero dover essere scartate a priori.