Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter!

Porta Futuro

PORTA FUTURO RETE UNIVERSITA'

Job | Ricerca Lavoro

JOB | Ricerca Lavoro Scopri la Sezione JOB, per cercare lavoro in Italia ed all'estero.
Concorsi universitari: che vinca il peggiore?
Attualità
Venerdì 24 Febbraio 2012

Concorsi universitari: che vinca il peggiore?È successo già due volte nel giro di pochi mesi. Concorsi da ricercatore universitario vinti dai candidati peggiori, ossia con una valutazione della qualità delle pubblicazioni secondo gli indici bibliometrici utilizzati a livello internazionale pari a zero

Fonte: ViviAteneo.it
di Claudia Torrisi

Il primo caso si è verificato ad Alessandria il 30 novembre scorso. Si trattava di un concorso per ricercatore di Economia Politica alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università del Piemonte Orientale. Si sono presentati in 13, ha vinto l’unica candidata ad aver totalizzato zero in tutti gli indici bibliometrici usati comunemente.

Si scopre poi che, stranamente, la quasi totalità dei lavori accademici della vincitrice in questione erano stati pubblicati su volumi curati direttamente o come coautore dal presidente della commissione esaminatrice del concorso.

Scoppia la protesta di dottorandi e assegnisti di ricerca riuniti in un gruppo su Facebook chiamato “SECS in the cities” ( giocando con l’acronimo ministeriale con cui vengono indicate le materie economiche e il nome del noto telefilm americano) dal quale nasce una petizione online che in poco tempo ha assunto carattere internazionale ed ha coinvolto l’intera comunità scientifica, raccogliendo più di 1400 firme tra professori emeriti, ordinari, associati, direttori di dipartimento, ricercatori delle più rinomate università del mondo. La petizione, che chiedeva al rettore di fare chiarezza sull’accaduto, ha avuto molto risalto anche sulla stampa nazionale e ha convinto l’università a mettere sotto inchiesta interna il presidente e la commissione esaminatrice.

Una situazione simile si è verificata a Varese, all’Università dell’Insubria,  il 25 gennaio. Anche qui al bando c’era un posto per ricercatore in Economia. Su 17 candidati vince l’unico che ha preso zero negli indici bibliometrici comunemente usati. E, cosa più importante, anche qui gli unici lavori accademici del vincitore si trovano pubblicati come capitoli su un testo curato dal presidente della commissione.

Stavolta, però, l’esito del concorso è stato già firmato dal rettore e certificato sul sito del ministero, quindi i candidati potranno far valere le loro ragioni solo per vie legali, con un eventuale ricorso al Tar.

In tutti e due i casi si tratta di un concorso da ricercatore, per altro uno degli ultimi regolati dalla vecchia normativa – abrogata dalla cosiddetta “legge Gelmini”- che garantisce ai vincitori il posto fisso; in tutti e due i casi c’è un candidato che, sulla base di tabelle e indici utilizzati a livello internazionale basati sulla qualità delle pubblicazioni e sul numero di citazioni ricevute, è nettamente più scarso degli altri ma ha uno stretto rapporto con la commissione, talmente stretto che i lavori che il presidente si trova a giudicare sono praticamente i propri. In tutti e due i casi, questo candidato vince. Anche se, per quanto riguarda il caso verificatosi ad Alessandria, è lecito dubitare che questa vittoria durerà.

Nonostante la diversa conclusione, le due vicende sono perfettamente speculari. Quasi a volerci ricordare che il malcostume non è isolato ma ben radicato nel sistema universitario italiano.

e-max.it: your social media marketing partner
  pay day loans . Female Cialis is prescribed to improve the quality of sexual life, to enhance the sensual reaction. It is also prescribedin case of frigidity and anorgasmia, decreased libido and hormonal changes that cause sexual dysfunction.

© 2008-2018 Sabina Universitas - Polo Universitario di Rieti S.C.p.A. (P.I. 00982440570). Tutti i diritti riservati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla nostra sezione Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito