Banner

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter!

Porta Futuro

PORTA FUTURO RETE UNIVERSITA'

Job | Ricerca Lavoro

JOB | Ricerca Lavoro Scopri la Sezione JOB, per cercare lavoro in Italia ed all'estero.
Titolo di studio: la laurea perde peso, ma non sarà carta straccia
Attualità
Lunedì 13 Febbraio 2012

Titolo di studio: la laurea perde peso, ma non sarà carta stracciaIl rischio sarebbe quello di ritrovare le università svuotate, il vantaggio di dare pezzi di carta a chi realmente saprebbe come utilizzarli

Fonte: Corriere dell'Università Job

L’abolizione del valore legale del titolo di studio ritorna come un boomerang anche nel governo Monti e trovare una linea comune sembra un percorso veramente arduo. Chi pensava che la questione fosse archiviata deve ricredersi perché il presidente del consiglio è deciso ad andare fino in fondo. Nel nuovo decreto legge sulle semplificazioni sono stati, infatti, inseriti numerosi punti che riguardano l’Università e tra gli argomenti più controversi è finito il valore legale dei titoli di studio.

La proposta riguarda l’eliminazione del vincolo del tipo di laurea per i concorsi pubblici e l’opportunità, o meno, di continuare ad utilizzare il voto di laurea come titolo nelle selezioni. E se uno guarda ad uno dei principali fili conduttori del governo Monti, ovvero il merito, capisce il perché la laurea sia stata presa di mira.

La proposta, secondo alcuni,  prenderebbe spunto da un’idea, ormai molto radicata, secondo cui le università italiane sono dei “cloni uniformi” di un modello fissato dalla legge. Un modello che nella scelta dei quadri dirigenti della pubblica amministrazione porta a far valere molto di più il pezzo di carta rispetto alla capacità e alla professionalità del singolo concorrente.

Ma ad essere messo sulla forca, sarebbe anche il voto di laurea che non darebbe giustizia, nei concorsi e nelle selezioni pubbliche, a quegli studenti laureati in atenei eccellenti, ma più rigorosi e stretti di manica nell’assegnare 110 e “lodi”. Atenei, tra l’altro, dai quali provengono sia il presidente Monti che il ministro Profumo, a capo di due delle migliori università’ italiane, la Bocconi e il Politecnico di Torino. Entrambi conoscono perfettamente la situazione italiana e la differenza con l’estero, dove i requisiti di carriera sono fissati non sul titolo universitario ma sulle capacità e le conoscenze del singolo.

I due professori comunque stanno cercando di non sbilanciarsi, sentendo un po’ in giro gli umori generali. Monti ha così lanciato una consultazione pubblica sul web, esprimendosi sui diversi criteri di valutazione presenti nei vari centri di studio. La sua esperienza all’interno delle università lo ha portato ha dichiarazioni del tipo << gli atenei non sono tutti allo stesso modo rigorosi>>, il che fa intendere che forse il voto di laurea crea  spesso, per il professore, un’equivalenza superficiale e non reale.

A parlare, invece, di <<valore del titolo di studio per il Paese >> è il ministro dell’Istruzione Profumo che fa una distinzione tra il privato e il pubblico. Nel pubblico impiego, secondo il ministro, il valore legale del titolo di studio non è stato impiegato nel modo migliore. I suoi riferimenti negativi sono lo scorrimento di carriera in base al titolo di studi e il loro conseguente mercato. Un suo ripensamento, e quindi non una sua abolizione, potrebbero portare a rivedere alcuni meccanismi fallati.

Su una linea diversa si collocano molti studenti,  per i quali il titolo di studio  resta un biglietto da visita, la base fondamentale sulla quale costruire l’ingresso nel lavoro e nella società, mentre per le famiglie uno status che fa la differenza della vita. Per non parlare poi dei due terzi delle oltre 100 università italiane, che legano la loro sopravvivenza a quel pezzo di carta, senza il quale non avrebbero senso e modo di esistere.

e-max.it: your social media marketing partner
  payday advance . In this section we give only a brief summary recommendation for admission of Levitra. Full information can be found in the instructions for receiving medications with vardenafil.

© 2008-2018 Sabina Universitas - Polo Universitario di Rieti S.C.p.A. (P.I. 00982440570). Tutti i diritti riservati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla nostra sezione Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito