Banner

Campus App Download

Scarica l'App di Campus.Rieti.it
Compatibile con iPhone, iPod touch e iPad.
Download

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter! Abbonati ad un Feed RSS!

Job | Ricerca Lavoro

JOB | Ricerca Lavoro Scopri la nuova Sezione JOB, per cercare lavoro in Italia ed all'estero.
Test di Medicina, le prime reazioni: "Troppa cultura generale". E c'è chi ha già pronto il Piano B
Attualità
Venerdì 03 Settembre 2010
Test di Medicina, le prime reazioni: Come sono andati i test? Si sono svolti regolarmente? E cosa ne pensano i diretti interessati, i giovani che hanno fatto i test nella mattinata di giovedì? Qualcuno è demoralizzato, altri invece tenteranno i test d'ammissione anche ad altre facoltà

Fonte: Studenti.it
di Andrea Maggiolo

I test per l'accesso ai corsi a numero chiuso sono iniziati ieri con la prova di Medicina e Chirurgia e continueranno fino al 20 settembre, quando si svolgeranno i test per Scienze della Formazione Primaria.

Polemiche e discussioni a parte, come sono andati i test? Si sono svolti regolarmente? E cosa ne pensano i diretti interessati, i giovani che hanno fatto i test nella mattinata di giovedì?

"Ho provato il test in due università e..."
Ci ha scritto Nadir, che ha appena preso la maturità scientifica: "Ho provato il test di medicina al San Raffaele prima di farlo alla statale di Torino. Inutile dire che la complessità del primo era molto più elevata di quella del test statale, sia per lunghezza che per difficoltà. Ciò nonostante, la tipologia del test del San Raffaele mi è sembrata molto più giusta per selezionare futuri medici in quanto basata maggiormente su materie scientifiche. Inoltre - continua Nadir - vorrei sottolineare come nel test alla statale, a mio avviso, vi erano domande a cui potevano rispondere veri e proprio medici, piuttosto che studenti appena usciti dalla maturità. Porto come esempio la frase sul blastoma in cui bisognava la parola mancante. Uno studente che ha fatto latino alla scuola superiore, come me, poteva escludere logicamente tre delle cinque possibili risposte pensando che l'operazione chirurgica di asportazione di una massa tumorale non potesse che avere come prefisso il latino "ex". In ogni caso si rimaneva comunque con due possibili risposte: esecrazione ed escissione. A questo punto mi chiedo: se nel programma del test di ammissione non c'è patologia, se non qualche breve cenno, come possono pretendere che la gente sappia il nome di un operazione chirurgica con cui si spera che nessuno a questa età abbia mai avuto a che fare?"

"Troppo difficile, speriamo bene..."
Sul nostro Forum Medicina i ragazzi sembrano abbastanza preoccupati. Il primo a dire la sua è Lollo, che non nasconde la sua preoccupazione per un possibile esito negativo: "L'ho trovato molto difficile onestamente". Marghe986 è sulla stessa lunghezza d'onda: "Secondo me il test era difficilissimo, ora ci tocca aspettare 15 giorni. Ma spero sia andata bene". Elfetta9 pensava a un test più semplice: "Sinceramente anche a me è sembrato piuttosto difficile". E poi chiede conferma su alcune risposte di cui non è sicura. Scopriamo così che nel test di quest'anno c'erano anche domande su Svevo e su 1984 di Orwell.

Melinda ha dei dubbi sulla struttura stessa della prova: "40 domande di cultura generale, 18 di biologia, 11 di chimica e 11 di fisica e matematica non mi sembra una partizione equa delle domande, tutto il contrario. Oltretutto - scrive la ragazza - il test mi sembra affrontabile sia da una persona uscita da uno scientifico come da una uscita da un istituto tecnico senza problemi, dopo un minimo di studio".

"E' giusto che ci siano domande di cultura generale"
Sempre sul nostro Forum Medicina Repanse ha un'opinione diversa: "E' giustissimo che ci sia un 50% di cultura generale, per un semplice ed elementare discorso di equità. Infatti non tutti i candidati a Medicina e professioni sanitarie varie hanno ricevuto una formazione prettamente scientifica, ci sono molti studenti che escono dai licei classici e linguistici, addirittura dagli artistici e via dicendo. Queste persone hanno diritto quanto le altre di avere la possibilità di diventare medico". L'idoneità di una persona a fare il medico o odontoiatra o veterinario, scrive la studentessa "non dipende da quante domande di letteratura e storia o chimica e biologia risponde correttamente, ma da ciò che dimostra dopo il test".

"Ho già pronto il Piano B"
ManuB sembra avere già perso le speranze di aver passato il test: "Per me era difficile, specie certe domande di biologia. Sinceramente non credo proprio di avercela fatta a questo giro". La studentessa ha però un piano di riserva da metetre in pratica: "Punto al test di infermieristica la settimana prossima".

Siamo andati a caccia di commenti e pareri sul test d'ingresso a Medicina anche su Twitter, il social network in 140 caratteri. Qui i ragazzi sono meno pessimisti, a quanto pare. Deiby dice di essere abbastanza soddisfatta: "Finalmente è andata. Test di Medicina e Chirurgia finito. Un po' difficile però ho fatto tutto ciò che sapevo. E' andata bene diciamo".

Giuseppe dice di essere tranquillo perché il test di Medicina rappresenta per lui solo un banco di prova per capire come si svolgono le prove: "Il mio obiettivo principale è l'ammissione a Fisioterapia e Radiologia".

Condividi

  Levitra 10mg PriceCheap CialisViagra No Prescription

© 2008-2014 Sabina Universitas - Polo Universitario di Rieti S.C.p.A. (P.I. 00982440570). Tutti i diritti riservati.