Banner

Seguici su:

Seguici su Facebook Seguici su Twitter!

Porta Futuro

PORTA FUTURO RETE UNIVERSITA'

Job | Ricerca Lavoro

JOB | Ricerca Lavoro Scopri la Sezione JOB, per cercare lavoro in Italia ed all'estero.
Soldi all’università, gli studenti contro la ministra: tagli mascherati
Attualità
Giovedì 14 Settembre 2017

Soldi all’università, gli studenti contro la ministra: tagli mascheratiIl coordinatore di Link, Andrea Torti: «Non è vero che agli atenei andranno 62,5 milioni in più come dichiarato dalla ministra: i fondi sono ancora in calo»

Fonte: Corriere della Sera
di Antonella De Gregorio

Dopo la registrazione dela Corte dei Conti, il Miur ha pubblicatole tabelle che illustrano come vengono ripartiti i fondi assegnati dal ministero alle università: un capitale di quasi sette milioni di euro, distribuito tra le università dello Stivale in base ai costi sostenuti per la formazione degli studenti e ai risultati conseguiti (la c.d. quota «premiale»).

Aumenti nominali

Un momento atteso, ma che non manca mai di generare equivoci e polemiche. Se infatti il ministro si ascrive il merito di aver aumentato i fondi dello 0.9%, a 6,982 miliardi di euro (con un incremento di 62,5 milioni rispetto al 2016), le associazioni degli studenti si armano di pallottoliere e mandano a dire al ministro che i numeri sono ben diversi: «I fondi nella disponibilità diretta degli Atenei sono stati in realtà ridotti dello 0,9% passando da 6,919 miliardi a 6,856 miliardi», dichiara Andrea Torti, coordinatore di Link - Coordinamento Universitario. Tagli «mascherati», dice, elencando le voci discordanti. Il primo aumento solo «nominale» (come già evidenziato anche dal Cun) riguarda i 45 milioni di euro di tagli ai fondi direttamente gestiti dagli atenei statali (quota base, premiale, perequativo e programmazione triennale). Poi ci sono i 24,5 milioni tolti al sistema universitario per finanziare le università terremotate: Urbino, L’Aquila, Politecnico delle Marche, Camerino (15 lo scorso anno).

La «no tax area»

E i 55 milioni di euro di copertura dei mancati introiti dovuti all’introduzione della «no tax area» (quindi non fondi aggiuntivi per gli atenei). «senza contare che solo oggi le Università sono venute a conoscenza di quanto spetti loro dei 55 milioni della no-tax area, pur essendo state costrette dalla scorsa legge di bilancio a emanare i nuovi regolamenti sulla contribuzione entro marzo 2017», denuncia Elisa Marchetti, coordinatrice nazionale dell’Unione degli Universitari. «I fondi che saranno nelle disponibilità degli atenei per sostenere le attività ordinarie - sostengono gli studenti - non è vero che aumentano di 62,5 milioni come dichiarato dalla ministra ma calano di 70 milioni rispetto al 2016 e addirittura di 115 rispetto a quanto dichiarato dal ministro.

Quei 63 milioni in meno

I tagli denunciati dagli studenti trovano conferma anche nelle tabelle allegate dal Miur al comunicato odierno: sommando le tre voci del Ffo (quota base, quota premiale e risorse perequative) nel 2017 alle università arriveranno 6,272 miliardi di euro: 63 milioni meno del 2016, il segno è negativo per l’1%.

Le voci

A queste voci si aggiungono poi le assegnazioni per i piani straordinari di reclutamento dei docenti varati nel corso degli ultimi anni (237,2 milioni di euro), la quota 2017 relativa alla programmazione triennale (43,8 milioni di euro) e l’assegnazione dei 55 milioni di euro agli atenei per la no tax area: totale, 6,6 miliardi. Le tabelle relative alle voci ulteriori dell’Ffo (fra cui dottorati, fondo giovani, risorse per la ricerca di base, risorse da destinare ai docenti) saranno pubblicate entro settembre e porteranno il totale finale a 6,982 miliardi.

La protesta

Ma, appunto, non solo ci teniamo lontani dai livelli del 2009 (quando l’Ffo ammontava a 7,4 miliardi), ma nemmeno c’è stata quell’inversione di tendenza sbandierata dalla politica. Che prevedeva di portare il fondo, nel 2018, a quota 7,3 miliardi. Gli studenti non ci stanno ad ascoltare proclami («Non è pensabile che l’università italiana sia continuamente impegnata in una lotta alla sopravvivenza», commenta Elisa Marchetti) e annunciano mobilitazioni nei prossimi mesi. Che si allacceranno alla protesta della comunità accademica, già in sciopero per il blocco degli scatti stipendiali.

e-max.it: your social media marketing partner

Condividi

  Test Propionate DosageThere are three major facts that should be watched out for in all payday loans in the United States. Therefore, we can say that the active substances in its composition are more perfectly mixed. Vardenafil is not only present in the original Order Levitra, but also as part of its analogs.

© 2008-2017 Sabina Universitas - Polo Universitario di Rieti S.C.p.A. (P.I. 00982440570). Tutti i diritti riservati.

Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza e offrire servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie vai alla nostra sezione Cookie Policy.

Accetto i cookie da questo sito